Edilizia scolastica, gli studenti non ci stanno: “I soldi non bastano, bisogna fare di più”

rete-studenti

Ieri il Presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso della Conferenza Stampa di presentazione delle priorità del CdM, ha annunciato le linee di intervento prioritarie sulla scuola. Gli impegni del Governo si concentrano sull’edilizia scolastica, per la quale sono destinati 3,7 mld di euro, e sul Mof, con la promessa di ripristinare i tagli decurtati da due anni a questa parte per pagare gli scatti stipendiali dei docenti.

“Accogliamo con favore l’impegno di rifinanziare il Mof e speriamo inoltre si prenda in considerazione di finanziarlo maggiormente per garantire un reale miglioramento dell’offerta formativa” – dichiara Roberto Campanelli, coordinatore nazionale dell’UdS – .”Sappiamo, invece, che il budget previsto per rimettere in sesto le scuole si divide tra fondi stanziati da provvedimenti precedenti e proventi derivanti dal fondo di coesione destinato alla sicurezza delle scuole. Riteniamo pertanto che manchi ancora una precisa volontà politica di costruire un piano nazionale per l’edilizia scolastica, da lanciare ora per la grave emergenza e da rendere strutturale dalla prossima legge di stabilità. Infatti, secondo stime della Protezione Civile, il fondo dovrebbe consistere in minimo 13 miliardi di euro.”
“I 10 mila interventi previsti toccheranno solamente il 22% del patrimonio scolastico e per noi è assolutamente insufficiente” – continua nella nota l’UdS – “Per noi un piano sull’edilizia non dovrebbe limitarsi all’emergenza, ma si dovrebbe puntare a costruire scuole ecocompatibili, prive di barriere architettoniche, ricche di spazi di aggregazione e socialità per far diventare le scuole punti di riferimento sul territorio”
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cacciatori di asteroidi cercasi: la NASA bandisce un concorso con 35 mila dollari in palio

Next Article

Ci saranno ancora le Università tra 50 anni?

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.