All’asta i registri scolastici di John Lennon. Note e punizioni: uno spirito ribelle già a 14 anni

john lennon

Prendevate molte note a scuola? I professori erano spesso costretti a cacciarvi dall’aula? Se la risposta è si allora potreste diventare una leggenda della musica. A dirlo sono i registri scolastici di una delle più grandi rockstar mai esistite: il leader dei Beatles, John Lennon.

Il prossimo 22 novembre, infatti, verranno messi all’asta i registri scolastici di quando Lennon frequentava la Quarry Bank School di Liverpool, tra il 1955 e il 1956. Documenti ritrovati fin dagli anni ’70 ma che verranno venduti solo adesso, sul sito  “tracksauction.com”, per un valore stimato tra le 2 e le 3 mila sterline.

Nei registri si trova di tutto: da note per “cattiva condotta” a quelle per “disturbo delle lezioni” fino a provvedimenti per allontanare l’allora futuro Beatle dall’aula e persino una sanzione per rissa con alcuni compagni. Insomma le prime avvisaglie del comportamento ribelle che ha reso John Lennon una delle icone più ammirate della musica del novecento senza dimenticare quello spirito irriverente che ha sempre accompagnato il suo personaggio: già nei registri, infatti, i docenti lo descrivevano come un “clown”.

Chissà se questa definizione sarebbe piaciuta, oggi, allo “smart one” (il nickname di Lennon da Beatles, letteralmente “quello intelligente”)?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'incontro alla Sapienza: "Non c'è antimafia senza formazione"

Next Article

Concorsi truccati, in esclusiva parla il professor Zencovich: "La mia era solo ironia. Nell'accademia c'è il terrore di essere indagati"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".