Montaruli «basta screditare i grandi capolavori»

Augusta Montaruli, vice capogruppo Pdl in Regione Piemonte commenta le accuse avanzate in questi giorni dal Presidente di Gherush92, Comitato per i Diritti Umani, alla Divina Commedia. «Ingiustificate e deliranti», le definisce Montaruli in una nota inviata ai giornali.

Augusta Montaruli, vice capogruppo Pdl in Regione Piemonte commenta le accuse avanzate in questi giorni dal Presidente di Gherush92, Comitato per i Diritti Umani, alla Divina Commedia. «Ingiustificate e deliranti», le definisce Montaruli in una nota inviata ai giornali.

«La Divina Commedia – precisa – è, ed è sempre stata, un’opera grandiosa e fondamentale, pilastro della letteratura italiana ed uno dei più grandi capolavori della letteratura mondiale.Gravissimi sono i giudizi e l’intromissione sulla formazione scolastica italiana. Omettere la Divina Commedia dai programmi scolastici ministeriali equivale a togliere una parte della nostra storia e cultura dai libri di testo e dagli insegnamenti.  Il Presidente di Gherush92 fonda le sue inaccettabili ed ingiustificate accuse non contestualizzando i contenuti dell’opera, scritta nei primi anni del ‘300».

«Per questi motivi – conclude – oggi presento in Consiglio Regionale un Ordine del Giorno affinché la Giunta intervenga in modo incisivo per porre fine ai tentativi di screditamento e diffamazione del nostro ricchissimo e vastissimo patrimonio letterario e per difendere l’autonomia italiana in materia culturale e scolastica».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna e Sorbona, nuovi accordi di ricerca

Next Article

Master “Pio La Torre”, il primo contro le mafie

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno