Montaruli «basta screditare i grandi capolavori»

Augusta Montaruli, vice capogruppo Pdl in Regione Piemonte commenta le accuse avanzate in questi giorni dal Presidente di Gherush92, Comitato per i Diritti Umani, alla Divina Commedia. «Ingiustificate e deliranti», le definisce Montaruli in una nota inviata ai giornali.

Augusta Montaruli, vice capogruppo Pdl in Regione Piemonte commenta le accuse avanzate in questi giorni dal Presidente di Gherush92, Comitato per i Diritti Umani, alla Divina Commedia. «Ingiustificate e deliranti», le definisce Montaruli in una nota inviata ai giornali.

«La Divina Commedia – precisa – è, ed è sempre stata, un’opera grandiosa e fondamentale, pilastro della letteratura italiana ed uno dei più grandi capolavori della letteratura mondiale.Gravissimi sono i giudizi e l’intromissione sulla formazione scolastica italiana. Omettere la Divina Commedia dai programmi scolastici ministeriali equivale a togliere una parte della nostra storia e cultura dai libri di testo e dagli insegnamenti.  Il Presidente di Gherush92 fonda le sue inaccettabili ed ingiustificate accuse non contestualizzando i contenuti dell’opera, scritta nei primi anni del ‘300».

«Per questi motivi – conclude – oggi presento in Consiglio Regionale un Ordine del Giorno affinché la Giunta intervenga in modo incisivo per porre fine ai tentativi di screditamento e diffamazione del nostro ricchissimo e vastissimo patrimonio letterario e per difendere l’autonomia italiana in materia culturale e scolastica».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna e Sorbona, nuovi accordi di ricerca

Next Article

Master “Pio La Torre”, il primo contro le mafie

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident