Master “Pio La Torre”, il primo contro le mafie

Prenderà il via nel prossimo anno accademico, presso l’Alma Mater di Bologna, il Master “Pio La Torre”, primo master universitario espressamente dedicato alla “Gestione e riutilizzo di beni e aziende confiscati alle mafie”. Questa importante iniziativa di approfondimento sui temi della legalità vedrà la fattiva compartecipazione della Provincia, sulla base della convenzione quadro stipulata il 13 dicembre 2010 tra i due enti.

Scopo del Master è quello di offrire ai giovani laureati (e anche al personale della Provincia) uno spazio di formazione e arricchimento del proprio bagaglio di conoscenze in questo delicato ambito di lotta alla mafia. Il corso, che dà diritto ad accreditamento formativo e ad un attestato di frequenza, si articola in tre parti, ciascuna suddivisa in altrettante unità formative della durata complessiva di 200 ore, di cui il 30% fruibile in modalità e-learning.

I docenti e gli esperti coinvolti, tutti di caratura nazionale, terranno le loro lezioni il venerdì pomeriggio ed il sabato mattina con cadenza settimanale. Nelle prime due unità formative si occuperanno di tracciare gli aspetti fondamentali delle Mafie al Nord nel loro lungo percorso di radicamento dal punto di vista imprenditoriale, affrontando successivamente gli aspetti propriamente giuridici che regolano la custodia e l’amministrazione dei beni confiscati.

L’ultima unità, invece, sarà propriamente incentrata sulle importanti tematiche della riassegnazione e soprattutto della valorizzazione per scopi sociali di beni e aziende confiscati, con un focus sulle cooperative (come l’esempio virtuoso di “Libera Terra”) che da tempo si battono per il riutilizzo di questi beni ed aziende, rendendosi protagoniste di attività a forte impatto sulla società civile e sul target giovanile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Montaruli «basta screditare i grandi capolavori»

Next Article

Vulcanica-mente, da oggi il secondo Tech Weekend

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.