Vulcanica-mente, da oggi il secondo Tech Weekend

Al via il secondo Tech Weekend nell’ambito dell’iniziativa “Vulcanica-mente” per tutti coloro che vogliono presentare la propria idea di impresa

Parte oggi il presso la sede della Fondazione Valenzi al Maschio Angioino, il secondo Tech Weekend organizzato dall’Assessorato al Lavoro e Sviluppo del Comune di Napoli guidato da Marco Esposito (in foto) nell’ambito di Vulcanica-mente, l’iniziativa che nasce per promuovere idee innovative d’impresa elaborate da studenti, laureandi, laureati, ricercatori, docenti o neo-imprenditori e aspiranti imprenditori, da realizzare presso il Centro Servizi Incubatore Napoli Est.

Il Tech Weekend (fino sabato 17) è dedicato a tutti coloro che vogliono presentare la propria idea di impresa che dovrà operare prevalentemente nei settori ICT, ICT Green, Open data e Smart Cities Solutions, Bio-med e Nanotech, e a chi, pur non avendo un’idea di business da proporre, ha però maturato competenze nel settore. Durante il weekend saranno perfezionate le idee di business e potranno formarsi dei team di lavoro.

Le migliori idee di impresa parteciperanno allo stage gratuito della durata di una settimana presso significative realtà operanti all’estero e beneficeranno di un percorso professionale di incubazione all’interno del Centro Servizi Incubatore Napoli Est, della durata massima di 18 mesi e comunque non inferiore a 12 mesi. Il numero esatto di beneficiari, comunque non inferiore a 6, sarà definito al termine della selezione anche sulla base degli spazi disponibili presso l’incubatore.

Il programma della tre giorni della Innovation Tech Weekend è su www.incubatorenapoliest.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master “Pio La Torre”, il primo contro le mafie

Next Article

Laurea, verso la consultazione on line, «il governo teme gli studenti»

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.