Acariss, la lotta all’inquinamento inizia in classe

Grazie ai finanziamenti erogati dalla Regione Toscana, la scienza entra in 30 classi delle superiori. Su internet le indicazioni per aderire

Grazie ai finanziamenti erogati dalla Regione Toscana, la scienza entra in 30 classi delle superiori. Su internet le indicazioni per aderire

Il Cnr di Firenze, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università di Firenze lanciano un progetto destinato agli insegnanti e agli studenti degli istituti secondari toscani per “accrescere le conoscenze sull’ambiente e i rischi connessi all’inquinamento”. Attualmente, a circa sei mesi dall’avvio del progetto Accaris, sono coinvolte 13 scuole, dalle medie inferiori ai licei agli istituti tecnici, per un totale di quasi trenta classi e oltre venti insegnati. Il prossimo obiettivo sarà quello di aumentare il numero di scuole, di classi, di docenti coinvolti.

Il team di ricercatori (circa venti) delle tre istituzioni ha il compito di sviluppare moduli didattici basati sull’ Inquiry Based Science Education, per stimolare gli studenti a formulare domande per capire le ragioni di un fenomeno e risolverne così i problemi connessi. Sarà proprio questo il metodo che gli insegnanti delle materie scientifiche sperimenteranno in classe, per dare seguito al progetto, le cui attività potranno essere condotte in maniera autonoma da parte degli insegnanti o in collaborazione con il team di ricercatori.

Lo scopo di “Acariss” è favorire l’apprendimento delle materie scientifiche su temi di particolare attualità come quelli connessi alle tematiche ambientali e ai problemi dell’inquinamento. In questi ultimi mesi, ad esempio, sono stati sviluppati i moduli connessi al “Ciclo del carbonio”, alla “Meteorologia e climatologia”, all’“Effetto serra e cambiamenti climatici”, alla “Robotica e Ambiente”, all’“Eutrofizzazione” e alla “Tossicologia Ambientale”. Maggiori informazioni sono disponibili su www.acariss.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dal Times le migliori 100 università. Italia assente

Next Article

Anche le nanotecnologie in aiuto dei beni culturali

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.