Dal Times le migliori 100 università. Italia assente

Università di Harvard

La prestigiosa rivista Times Higher Education ha pubblicato la classifica dei migliori 100 atenei. In testa Usa e Gran Bretagna, grande assente l’Italia che, secondo il Times, non merita nemmeno l’ultimo posto. Una chart che vede comparire ben 19 Paesi tra cui Francia, Belgio, Brasile e Israele, c’è anche chi fa il pienone come la Svizzera con tre università.

La graduatoria è guidata ovviamente da Harvard, Massachusetts Institute of Technology, Cambridge, Stanford, Berkeley, Oxford, Princeton, University of Tokyo, University of California, Yale. Ma la domanda nasce spontanea, quali sono i criteri utilizzati per tale ricerca?

Il rapporto è stato compilato grazie alle risposte di 17.500 accademici di 137 Paesi ai quali è stato chiesto di nominare i migliori 15 atenei del mondo nella loro disciplina. Il sondaggio è stato curato dalla Ipsos.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le risorse della biblioteca, corso a Salerno

Next Article

Acariss, la lotta all’inquinamento inizia in classe

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.