12 euro al giorno per il parcheggio, le tirocinanti della Bicocca protestano

Schermata 2013-01-24 a 14.57.41

Il parcheggio nell’ospedale Papa Giovanni XXIII costa 2 euro l’ora e le tirocinanti di Infermieristica dell’Università di Milano “Bicocca” non ci stanno più.

Sui loro risparmi pesano ben 12 euro giornalieri.
Si tratta di quei soldi che guadagnano facendo lavoretti nel tempo libero, perché l’Università non offre loro alcuna retribuzione per il lavoro svolto nell’ospedale.
Per questo hanno scritto una lettera in cui si dicono spaventate, soprattutto dopo l’aggressione alla giovane che è stata stuprata nel parcheggio di Alberico.

Non vogliono essere costrette a dover parcheggiare fuori dall’ospedale, in orari che potrebbero mettere a repentaglio la loro sicurezza.
“Vi sentireste tranquilli voi, genitori di una ragazza di venti anni, sapendola a piedi da sola alle 06.30 del mattino o alle 22, alla fine del turno pomeridiano, in una strada poco illuminata e poco frequentata, in quegli orari?”, hanno scritto.

E hanno continuato: “A fronte dell’ultimo grave evento di Borgo Santa Caterina non riusciamo più a sentirci sicure e non è nemmeno concepibile spendere i pochi risparmi che abbiamo facendo qualche lavoretto nel poco tempo libero per poter parcheggiare dove lavoriamo già gratuitamente”.
Studentesse e studenti della Facoltà si sono rivolti da tempo alla Direzione generale per chiedere chiarimenti ma non hanno ancora ricevuto alcuna risposta. Inutilmente i tutor universitari dei ragazzi si sono attivati per riuscire almeno ad ottenere una convenzione.

A.Z.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Salute, la crisi fa ingrassare

Next Article

Dall'Adisu di Benevento, borse di studio per 400mila euro

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale