Yif, 3 proposte per rilanciare i giovani

E’ partita ieri con un obiettivo ambizioso la quarta edizione dello YOUNG INTERNATIONAL FORUM inaugurato alla Pelanda (ex Mattatoio di Testaccio) fino all’11 maggio: rilanciare l’occupazione giovanile nel nostro paese attraverso tre proposte

E’ partita ieri con un obiettivo ambizioso la quarta edizione dello YOUNG INTERNATIONAL FORUM inaugurato alla Pelanda (ex Mattatoio di Testaccio) fino all’11 maggio: rilanciare l’occupazione giovanile nel nostro paese attraverso tre proposte rivolte dal presidente dell YIF Mariano Berriola al governo Monti. “Perchè il dato è davvero allarmante – ha detto Berriola nel corso del suo saluto inaugurale – il 35% di giovani disoccupati registrati a marzo che non hanno un lavoro non studiano e non stanno investendo sulla loro formazione. Noi, per uscire da questa situazione, proponiamo la nostra ricetta al governo”:

– riduzione del numero degli atenei dagli oltre 100 presenti sul nostro territorio con oltre quattro mila corsi di laurea a 50 atenei virtuosi

– riqualificazione di caserme e luoghi pubblici dismessi ad incubatori di impresa per sostenere start up e spin off imprenditoriale

– istituzione di un vero e proprio ‘Patto con i giovani’ attraverso la stipula di un contratto di prospettiva della durata di sei anni che modifica e integra l’apprendistato e che abolisce lo stage

“E’ fondamentale la creazione di poli di sviluppo – ha concluso Berriola – che siano per i giovani veri e propri laboratori nei quali non debbano preoccuparsi di partite iva, ritenute d’acconto o quant’altro limiti la propria capacità imprenditoriale ma solo di realizzare liberamente i propri progetti”.

E’ possibile seguire tutte le attività e le novità proposte sui social network su:www.younginternationalforum.com
Facebook: Official Young International Forum FanPage
Twitter: @YIForum

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ingegneria, gli scatti degli studenti

Next Article

Aquila, il Tar sospende le elezioni del rettore

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.