Wake up!: al Teatro Argentina letture sulla primavera araba

Il sipario del Teatro Argentina di Roma oggi presenta ” Wake Up! – bagliori dalla primavera araba”.
Stasera, dalle 19.30, verranno messi in scena sei corti teatrali curati dagli giovani drammaturghi contemporanei. Due serate a ingresso libero dedicate alla Primavera araba e alle risonanze che questa ha avuto nel nostro Paese. Le letture, di circa 15 minuti, saranno accompagnate da un ricco programma di incontri, laboratori e seminari.

Il progetto nasce dal lavoro svolto con l’Unione dei Teatri d’Europa e il Naunynstrasse Ballhaus di Berlino per il Festival “Voicing Resistance” ed è dedicato alla nota protesta nel Mediterraneo.

I sei diversi inediti teatrali narrano la “rivoluzione di piazza”: La bandiera di Michele Santeramo; Maledetta primavera di Enrico Castellani; Scorrere, una rivoluzione origliata di Alessandro Berti; Non le dispiace se bevo di Renato Gabrielli; The Protester di Magdalena Barile; In Tahrir di Riccardo Fazi.

Maledetta primavera di Enrico Castellani è stato anche selezionato per essere tradotto in lingua tedesca dal Goethe Institut, e sarà presentato a Berlino il prossimo 17 giugno e in numerosi altri teatri europei: il teatro Habima di Tel Aviv, il Teatro Nazionale della Grecia del Nord, il Teatro Garibaldi di Palermo, il Teatro Nazionale di Atene e dello Shauspielhaus Graz.

Per Ulteriori informazioni clicca qui

M.B.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Manhattan, ricerca con previsioni catastrofiche

Next Article

Sapienza, ultimatum al ministero

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".