Viva il popolo napoletano e viva lo sport

Anche la nostra redazione si dissocia dalla sgradevole “battuta” fatta dal cronista TgR Piemonte Giampiero Amandola a discapito del magnifico popolo napoletano.

Non è ammissibile mandare in onda un servizio in cui tifosi della Juventus chiedono al Vesuvio di “lavare col fuoco“, permettersi poi uno scivolone di pessimo gusto essendo un cronista è ancora peggio. Anche la nostra redazione si dissocia dalla sgradevole “battuta” fatta al TgR Piemonte da Giampiero Amandola a discapito del magnifico popolo napoletano.

Lo sport è ben altra cosa e affonda le sue radici nella storia come simbolo di unione tra i popoli di diverse culture, lo testimoniano ancora manifestazioni come le Olimpiadi. Il calcio è fatto di sfottò ma il gioco è bello finché resta un gioco quindi il nostro messaggio vuole di essere di sincera sportività.

Tifare sì ma con le giuste maniere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contratti di apprendistato in Eni

Next Article

Maddfood, la cucina e l'arte flegrea per i giovani

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".