Viva il popolo napoletano e viva lo sport

Anche la nostra redazione si dissocia dalla sgradevole “battuta” fatta dal cronista TgR Piemonte Giampiero Amandola a discapito del magnifico popolo napoletano.

Non è ammissibile mandare in onda un servizio in cui tifosi della Juventus chiedono al Vesuvio di “lavare col fuoco“, permettersi poi uno scivolone di pessimo gusto essendo un cronista è ancora peggio. Anche la nostra redazione si dissocia dalla sgradevole “battuta” fatta al TgR Piemonte da Giampiero Amandola a discapito del magnifico popolo napoletano.

Lo sport è ben altra cosa e affonda le sue radici nella storia come simbolo di unione tra i popoli di diverse culture, lo testimoniano ancora manifestazioni come le Olimpiadi. Il calcio è fatto di sfottò ma il gioco è bello finché resta un gioco quindi il nostro messaggio vuole di essere di sincera sportività.

Tifare sì ma con le giuste maniere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contratti di apprendistato in Eni

Next Article

Maddfood, la cucina e l'arte flegrea per i giovani

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.
Leggi di più

Balli, tutorial e meme: ecco i nonni social che sbancano Tik Tok. “Cercati dalle aziende come i veri influencer”

Gli ospiti di una residenza per anziani di Carpi, in provincia di Modena, sono diventati star del popolare social network seguitissimo dai giovanissimi. I loro video raggiungono quasi 500mila persone e stanno spingendo le aziende specializzate nella vendita di prodotti per la terza età a contattarli per avviare delle sponsorizzazioni.