Vicepreside copre con lo scotch i jeans strappati e indossati da una studentessa in classe

E’ successo all’istituto Lucrezia Della Valle di Cosenza in Calabria. L’indumento non è stato ritenuto decoroso da parte di una docente che ha deciso di coprire gli strappi con del nastro adesivo che di solito viene utilizzato sigillare i pacchi. Proteste degli studenti.

Si è presentata in classe indossando dei jeans strappati, seguendo la moda molto in voga negli ultimi tempi. Un capo d’abbigliamento che però è stato considerato “poco decoroso” da parte della vicepreside della scuola che ha deciso di rimediare allo “scandalo” usando dello scotch da pacchi per incollare gli strappi dei jeans e coprire le parti delle gambe che erano scoperte. È quanto è successo al liceo Lucrezia Della Valle di Cosenza a una studentessa che raccontato quanto successo ai suoi compagni che hanno poi protestato nei confronti dei vertici della scuola.

“L’abbigliamento di un* ragazz* non può essere determinato da un presunto “Dress Code” della scuola, che in primis non è riportato in alcun documento legale, e che nega il diritto di ogni persona di esprimere sé stessa anche con il suo modo di vestire – fanno sapere i ragazzi del Fronte della Gioventù Comunista che hanno reso pubblico il caso –  Riteniamo totalmente vergognosi atti di questo genere che, a detta di diversi studenti e studentesse dell’Istituto, già si sarebbero ripetuti svariate volte, e che sono il frutto di ciò che sta diventando oggi la scuola pubblica. La competizione tra i vari istituti, sempre più simili ad aziende che hanno come loro capi i vari dirigenti scolastici, porta ognuno di essi a volere apparire all’esterno come “scuola d’elite” con studenti perfetti, imponendo loro norme assurde come questa. – concludono – Siamo pronti a mobilitarci al fianco degli studenti e delle studentesse affinché non si verifichino più episodi inaccettabili di questo tipo”.

Il caso del liceo calabrese è soltanto l’ultimo in ordine di tempo riguardo all’abbigliamento degli studenti e alle regole che dovrebbero seguire i ragazzi in classe. Nei mesi scorsi un docete di un istituto romano aveva apostrofato con parole molto pesanti una studentessa che aveva scoperto la pancia in classe.

LEGGI ANCHE:

Total
18
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Statale di Milano, usare i satelliti spia per studiare il clima del passato

Next Article

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l'università la proclamerà lo stesso "dottoressa"

Related Posts
Leggi di più

Al via la quattordicesima edizione dello Young Internazional Forum. Mancano 95mila tra medici e sanitari

Da mercoledì 5 a venerdì 7 ottobre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, sessioni di ascolto e confronto, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari sulle materie di studio e workshop. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming, il salone potrà essere seguito in diretta in tutta Italia.