Università: Venezia inaugura residenza

Con il taglio del nastro avvenuto lunedì mattina, è stata inaugurata a Venezia la nuova residenza studentesca ‘Camplus Venezia Santa Marta’. Con i suoi 650 posti, si tratta dello studentato più grande della città lagunare e consente di raddoppiare l’offerta di alloggi per studenti universitari, colmando l’attuale gap che separa domanda e offerta di soluzioni abitative a canone calmierato. Lo studentato si compone di tre edifici e ospita 412 camere. Un terzo delle superfici è occupato da spazi comuni.
La nuova residenza studentesca ha consentito anche una importante opera di riqualificazione urbana, recuperando alcuni magazzini di inizio Novecento. L’area, di proprietà dell’Università Ca’ Foscari, è stata affidata, tramite un bando, in diritto di superficie per 75 anni.
L’intervento, del valore di circa 30 milioni di euro, è stato realizzato dal Fondo immobiliare Erasmo, gestito da Fabrica Immobiliare Sgr, sottoscritto al 60% da Fondo Fia di Cassa Depositi e Prestiti e al 40% dal Fondo Aristotele dell’Inps.
ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola. Professori precari, concorso solo per pochi

Next Article

Erc consolidator grants, la ricerca italiana perde terreno: siamo 12esimi su 24 Paesi

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".