Università, in che paese conviene laurearsi: ecco dove si guadagna di più

La redditività dei titoli di studio in base al paese in cui ci si laurea è un fatto conclamato. Ne ha parlato di recente l’Ocse nel rapporto Education at a glance .
Scegliere quale Università frequentare e soprattutto se studiare in Italia o all’estero. La redditività dei titoli di studio in base al paese in cui ci si laurea è un fatto conclamato. Ne ha parlato di recente l’Ocse nel rapporto Education at a glance.
Insomma, quanto si guadagna studiando e laureandosi in un determinato paese?
Lussemburgo e Irlanda
Il più redditizio è il Lussemburgo dove una laurea fa guadagnare 575.500 euro in più per gli uomini e 475mila per le donne. Il numero fa capo agli studenti dell’Università del Lussemburgo, l’unica presente, dove studiano solo 6.351 mila studenti.
Tra i paesi in cui laurearsi c’è anche l’Irlanda con  476 mila euro per gli uomini e 386 mila per il popolo femminile. L’Irlanda è un paese perfetto per sviluppare idee imprenditoriali in particolare dopo la Brexit e lo spostamento di molte realtà verso Dublino.
In lizza anche Svizzera e Ungheria. Nonostante la differenza di guadagni tra uomini e donne (600mila per i primi, 300mila per i secondi) i politecnici di Zurigo e Losanna rimangono tra i migliori al mondo. Gap presente anche in Ungheria dove l’abisso tra guadagni maschili e femminile si assottiglia con i 353 mila euro per gli studenti e 179 mila per le donne.
Polonia e Austria, dove si studia quasi gratis
Un altro paese dove studiare per guadagnare di più è la Polonia, più precisamente presso l’Università Jagellona dove si guadagnano anche 345mila euro in più. Anche l’Austria conviene considerando che le Università costano pochissimo, anche per gli stranieri, e si possono guadagnare fino a 330 mila euro in più all’anno per gli uomini e 203 mila per le donne. Ottime chance anche in Francia e Germania. Nel primo caso studiare presso l’affidabile Scuola Nazionale d’Amministrazione può fruttare 323 mila euro che diventano 319 mila euro per chi sceglie la solida Germania.
In lizza anche l’Università Carolina di Praga. Il punto forte delle università ceche è ovviamente il costo basso, anche della vita in genere, a cui va aggiunta la vita notturna. L’Italia, invece, è tra gli ultimi posti, poco appetibile e con soli 190 mila euro in tasca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti vegani boicottano la festa di Natale dell'Università: «Il locale scelto affaccia sullo stadio per le corse dei cani»

Next Article

Maltempo, laboratorio ricerca nanotecnologie: "Preservare beni culturali"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".