Una scuola per studenti gay a Toronto

Per combattere il bullismo omofobico, la città canadese pensa di istituire un liceo aperto solo a studenti e insegnanti gay.

Dal Canada arriva la proposta di istituire una scuola per studenti e docenti gay per evitare fenomeni di bullismo omofobico. L’idea è venuta a un professore, Javide Davila, e a uno studente, Fan Wu.

«Una reale mancanza di educazione e un bisogno di avere una scuola che incoraggi lo spirito critico, particolarmente nel settore del sesso e della diversità sessuale – ha dichiarato Fan Wu al settimanale di Toronto ‘Xtra’ – L’idea di una scuola dedicata ai gay, quindi, rappresenta per i promotori un modo per offrire un “rifugio” sicuro a quelli studenti che si sentono perseguitati o respinti nella vita di tutti i giorni, un luogo di confronto e di crescita».

Un liceo frequentato esclusivamente da omosessuali e gestito da omosessuali non sarebbe comunque una novità nel sistema scolastico canadese. Qualche anno fa, il Toronto Districh School Board ha creato una scuola rivolta a ragazze e ragazzi di colore in condizione di difficoltà.

L’opinione pubblica è divisa e la Chiesa non approva. Il pastore Charles McVety, del collegio cristiano del Canada, ha detto al “The Toronto Sun” di sentirsi «scandalizzato ma non sorpreso perché i gay sono già riusciti a ridefinire la nozione di matrimonio». Per il pastore McVety, «questa idea della scuola per omosessuali è un esempio di segregazione».

Chiara Cecchini

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Preside chiude i bagni, gli studenti disertano le lezioni

Next Article

Materazzi turista, posta la foto con Zidane

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".