Udine, venti posti a concorso per scuola di specializzazione in beni storico artistici

scuola di specializzazione udine

Scuola di specializzazione Udine L’Università di Udine ha aperto le iscrizioni al concorso di ammissione alla Scuola di specializzazione in Beni storico-artistici che, per l’anno accademico 2013-2014, mette a disposizione venti posti. La Scuola dura due anni e forma specialisti nel settore della tutela, gestione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico.

Manifesto degli studi e modulo della domanda di ammissione al concorso sono reperibili alla pagina web https://www.uniud.it/didattica/facolta/lettere/storia_dellarte. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la direzione della Scuola, telefonicamente al numero 0432 556610, o via email scrivendo a [email protected]

Possono partecipare al concorso, per titoli ed esame orale, i laureati dei corsi di laurea specialistica e magistrale in Storia dell’arte (con un minimo di 80 crediti formativi nell’ambito caratterizzante e non meno di 20 in quelli affini della Scuola), i laureati “vecchio ordinamento” in Conservazione dei beni culturali – indirizzo Beni storici, artistici e architettonici, e chi è in possesso del titolo di studio, conseguito presso università estere, equipollente alla laurea specialistica richiesta per l’accesso alla Scuola.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decreto Lavoro, verso la ripresa autunnale se si incentivano le imprese

Next Article

Emilia 3: l’auto italiana che sfida il mondo al World Solar Challenge

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.