Emilia 3: l’auto italiana che sfida il mondo al World Solar Challenge

emilia 3 auto solare

Emilia 3 al World Solar Challenge Presentato a Maranello il prototipo di auto solare che parteciperà alla competizione in Australia Pesa 180 chili, ha una struttura in carbonio, è alimentata da 391 celle fotovoltaiche a arriva a 110 chilometri l’ora

 

Si chiama Emilia 3, l’auto a emissioni zero, alimentata a pannelli solari e tutta costruita in Italia che parteciperà al World Solar Challenge, la competizione biennale per i migliori prototipi di vetture a energia alternativa.

La presentazione si è tenuta nel Museo Ferrari, a Maranello, e la quattroruote ecologica non ha affatto sfigurato al confronto con le fuoriserie del Cavallino Rampante.

Pesa appena 180 chili, ha una struttura in fibra di carbonio ed è ricoperta da 391 celle fotovoltaiche che catturano l’energia solare e la trasformano in spinta propulsiva, facendola viaggiare fino a 110 chilometri l’ora.

Emilia 3 è nata dalla collaborazione di docenti, ricercatori e studenti dell’Università di Bologna, uniti nel team Onda Solare e aiutati da esperti del Cnr e da un imprenditore di Reggio Emilia.

La sfida che si appresta a intraprendere è la World Solar Challenge, una gara in cui i migliori prototipi di auto alimentate a energia solare si sfidano attraversando l’Australia, da Darwin ad Adelaide, per oltre 3 mila chilometri di deserto.

Un’eccellenza italiana a confronto con i migliori progetti di giovani ricercatori di tutto il mondo e che è il risultato di anni di studi e del lavoro di esperti in campi diversi: basti pensare che proprio il sistema propulsivo è stato sviluppato grazie al fondamentale contributo dell’Istituto di Scienze Marine del Cnr, che lo ha sperimentato fin dal 2007 sulla barca a vela di Giovanni Soldini.

Appuntamento al 6 ottobre, allora, quando Emilia 3 comincerà la sua avventura in terra australiana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udine, venti posti a concorso per scuola di specializzazione in beni storico artistici

Next Article

Tutti bocciati al concorso per infermieri

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.