Tutti a Scuola, lunedì 16 settembre a L’Aquila la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno

Lunedì 16 settembre 2019, a L’Aquila, nel cortile della Scuola Primaria ‘Mariele Ventre’ – Circolo Didattico ‘Amiternum’, si terrà Tutti a Scuola, la cerimonia nazionale di inaugurazione del nuovo anno scolastico. All’evento parteciperanno il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti. In platea e sul palco animeranno la festa circa mille alunni di 350 istituti di tutta Italia e numerose personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport.
La cerimonia sarà trasmessa in diretta, dalle 16.30 alle 18.45 (circa), su Rai Uno, nel corso della trasmissione Tutti a Scuola, condotta da Flavio Insinna e Francesca Fialdini.
I giornalisti e i cine-operatori interessati a seguire la cerimonia potranno accreditarsi esclusivamente per il tramite dell’Ufficio Stampa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) inviando una email all’indirizzo [email protected] e, contestualmente, alla Prefettura de L’Aquila ([email protected]), entro e non oltre le 18.00 di venerdì 13 settembre 2019. La richiesta di accredito deve indicare obbligatoriamente le generalità, comprensive di data e luogo di nascita; la testata giornalistica di riferimento; tipo e numero di documento di riconoscimento.
I pass potranno essere ritirati lunedì 16 settembre, dalle 11.00 alle 13.30, presso il gazebo del Miur allestito all’ingresso del cortile della Scuola in via Ficara 3

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Recruting Costa Crociere, ecco le posizioni aperte

Next Article

Educazione civica, Fioramonti: “Risorse aggiuntive e confronto con dirigenti, docenti e studenti per introduzione da settembre 2020”

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.