Tre giorni di presidio degli studenti contro la Buona Scuola

Mancano pochi giorni alla votazione definitiva del ddl scuola e l’Unione degli Studenti ha promosso assieme ai sindacati tre giorni di presidio davanti a Montecitorio per esprimere la propria contrarietà al ddl e lanciare il boicottaggio dell’applicazione della riforma nelle scuole di cui si faranno promotori a partire da settembre

“Il Governo è completamente sordo alle istanze di chi la scuola vuole cambiarla sul serio ma in una direzione completamente opposta. Non si può riformare la scuola pubblica con la dittatura della maggioranza: il ddl va bloccato, vanno stralciate le assunzioni dal testo e aperto un vero dibattito democratico nel Paese.” –dichiara al Corriere dell’Università Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti- “E’ per questo che nei prossimi tre giorni ci vedrete in presidio davanti a Montecitorio assieme ai sindacati.”

“In un Paese dove uno studente su cinque abbandona gli studi, dove le disuguaglianze sociali aumentano non si può rispondere con una riforma che non investe un euro sul diritto allo studio!” – continua Lampis – “Il modello di scuola del Governo risponde soltanto agli interessi delle imprese, dei presidi-manager e alle logiche valutative degli Invalsi. Le scuole dovranno diventare “imprenditrici” per autopromuoversi recependo fondi dal territorio e saranno palestre di clientelismi, autocrazia e assenza di diritti per studenti e lavoratori. Il risultato è solo quello di inasprire le disuguaglianze già oggi ben visibili e nel mentre continuare ad aiutare e scuole private!”

Il Governo ha tacciato gli studenti come conservatori o “squadristi”, ma noi siamo i primi che vogliamo cambiare radicalmente la scuola italiana: è Renzi che insegue la vecchia scia di Berlusconi” – continua Lampis – “Vogliamo un “Altra Scuola” giusta che riparta da sette priorità: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell’istruzione; un’alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata; finanziamenti per il rilancio della scuola pubblica; una riforma della valutazione in chiave democratica; investimenti sostanziosi sull’edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell’autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica.”

Non ci fermeremo. Queste tre giornate non sono che l’inizio di una nuova ondata di agitazione che partirà dall’autunno e che punterà a bloccare in ogni modo l’applicazione di questa riforma classe per classe e scuola per scuola. La scuola e la democrazia sono nelle nostre mani e noi non ci arrenderemo. Possono pure votare, se credono che basti questo a costruire il Paese diseguale e antidemocratico che vorrebbero. Ma si sbagliano di grosso. Da settembre dimostreremo che le scuole e le città sono di chi le vivono realmente.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rapporto OCSE: Italia spende troppo per il Welfare e poco per la scuola

Next Article

La rassegna stampa di martedì 07 luglio

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".