Toscana: dalla regione voucher per esperienze formative all’estero

images (16)

Dalla Regione Toscana una valido aiuto a quanti intendano intraprendere esperienza formative all’estero.

L’ente ha infatti stanziato 700 mila euro da distribuire sotto forma di borse di studio a vincitori della selezione che scadrà il prossimo 15 aprile.

Tre le linee di intervento previste: la prima (riservata a laureati sotto i 35 anni) riguarda la frequenza di master, dottorati di ricerca e percorsi post laurea realizzati interamente all’estero.

La seconda linea è riservata a dottorandi senza borsa, under 35, iscritti a Università italiane, che si rechino all’estero per studi e ricerche funzionali al proprio corso.

L’ultima linea è riservata a laureati di età non superiore a 40 anni con specifica esperienza lavorativa e di ricerca: riguarda la frequenza di percorsi formativi all’estero in definiti ambiti disciplinari (tutela proprietà intellettuale, attività di sostegno alla ricerca e al trasferimento tecnologico).

Il voucher può essere richiesto – fino a un importo massimo di 20, 25 o 30 mila euro a seconda della durata del percorso – per coprire le spese di iscrizione, alloggio e viaggio di andate e ritorno. Per richiedere il rimborso occorre essere residenti in Toscana e non aver già fruito, nel 2012, del voucher regionale alta formazione.

I percorsi formativi ammissibili a finanziamento – diversi a seconda delle linee di intervento – possono essere erogati da Università, Scuole di alta formazione riconosciute dalle autorità estere, Centri di ricerca, altri soggetti indicati nel bando. Il bando, che fa parte del progetto regionale “GiovaniSi”, è disponibile sulla pagina web della Regione.

Per presentare domande: www.sviluppo.toscana.it

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Appalti, a Tor Vergata il primo master internazionale

Next Article

2,85 l'ora per un addetto stampa. La proposta di un grillino indigna i giornalisti

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.