Torino, arriva l’Università del Perdono

Università del Perdono

Problemi con i vicini? Ferite nell’anima che ancora non sono state rimarginate? Arriva a Torino l’Università del Perdono. E’ l’ultima idea di una serie di associazioni sparse per l’Italia, che hanno deciso di mettersi insieme e fondare una vera e propria Università.

La sede si trova nella città della Mole, in via Paolo Borsellino3. Le associazioni vogliono riuscire ad attirare l’attenzione su quella che viene definita giustizia riparativa: “Tutti noi siamo stati feriti, almeno una volta nella vita e questa ferita va curata, affrontata, non ignorata o peggio ancora rimossa”, spiega all’Adnkronos Juri Nervo, fondatore, insieme a padre Gianfranco Testa, dell”Università.

“L’alternativa si chiamano rabbia e vendetta, che ci terrebbero prigionieri della nostra negatività. Per questo – continua – bisogna imparare a porsi di fronte al torto subito esaminandolo sotto diversi aspetti, e provare anche solo a pensare che l’offensore possa essere visto come un normale essere umano”. Insomma, un perdono che “fa bene non tanto a chi lo riceve, ma, soprattutto, a chi lo dispensa”.

Per i fondatori, il perdono è la base prima del riconoscimento dell’altro, indispensabile per avviare un percorso di pace, che vada oltre la sfera del religioso e approdi nella quotidianità delle persone. Ma non tutti però sono in grado di superare le difficoltà causate dal risentimento e dall’odio. Da qui la volontà di dare vita ad una vera e propria ‘missione’ che, a seconda dei casi, attraverso ‘corsi di perdono’, ad esempio, con tanto di lezioni e seminari, si possa giungere a coloro che sono rimasti soli o sono stati lasciati soli nell’affrontare il loro disagio.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'appello delle associazioni: "Stanno uccidendo l'università". Da oggi settimana di mobilitazione in tutti gli Atenei italiani

Next Article

Studente prende a pugni il professore: "Rivolgeva frasi ambigue a una compagna di classe"

Related Posts
Leggi di più

Si laurea in autogrill pur di andare allo stadio a vedere una partita di Coppa Italia

Massimo Vitti, tifosissimo del Bari, non ha voluto rinunciare alla trasferta di Parma nonostante fosse già in programma la sua proclamazione a dottore in Economia Aziendale. Si è fermato in una stazione di servizio per collegarsi con l'università in videochiamata: alla fine il voto di laurea è stato di 82 su 110 mentre il Bari ha perso ed è stato eliminato dal torneo.