Studente prende a pugni il professore: “Rivolgeva frasi ambigue a una compagna di classe”

studente prende a pugni il professore

Studente prende a pugni il professore: condannato a preparare ogni giorno la cena a ragazzi egiziani ospitati dalla scuola nell’ambito di uno scambio culturale.

Succede a Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valencia, nell’Istituto alberghiero Einaudi: secondo la testimonianza del ragazzo, l’aggressione sarebbe scattata in seguito a delle frasi ambigue rivolte dal professore d’Informatica ad una studentessa. Scattata immediatamente la sanzione disciplinare nei confronti dello studente. Ogni giorno, dalle 17 alle 19, il giovane dovrà preparare la cena ai suoi coetanei egiziani arrivati in Italia per uno scambio culturale.

Una pena “leggera” per lo studente: l’aggressione, infatti, non graverà sul rendimento scolastico del ragazzo. Ben diversa la situazione del professore aggredito che ha dovuto ricorrere alle cure ospedaliere e ha deciso di denunciare il suo studente.

Sul caso, tuttavia, sta indagando la Procura: non si tratterebbe, infatti di un episodio isolato. Lo stesso professore, infatti, era stato aggredito da un’intera classe solo alcuni mesi fa. Anche in quell’occasione erano state alcune frasi troppo allusive ad una studentessa a scatenare l’ira dei ragazzi che costrinse addirittura il professore ad uscire dalla scuola scortato dalla polizia.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, arriva l'Università del Perdono

Next Article

Cile, alle elezioni trionfa il movimento studentesco guidato da Camila Vallejo

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.