Test sotto accusa, il Codacons denuncia il sistema

Parte oggi una denuncia del Codacons a 104 Procure della Repubblica di tutta Italia, relativamente alla vicenda dei test di ammissione errati per le facoltà di medicina e chirurgia, odontoiatria e protesi dentaria e medicina veterinaria.

“Un enorme pasticcio – spiega l’associazione – che ha portato il Ministero dell’istruzione a fare dietrofront su ben due quiz, mentre su alcuni altri quesiti pesa il sospetto di incongruenze e inesattezze che, sommate agli errori ufficiali, potrebbero costare l’annullamento dell’intera prova”.

Nell’esposto il Codacons chiede alla magistratura di aprire indagini, nei confronti del dicastero dell’istruzione e del Cineca (Consorzio interuniversitario per la gestione del centro elettronico dell’Italia nord orientale) – quest’ultimo responsabile della predisposizione dei plichi contenenti le prove d’ammissione – alla luce di possibili fattispecie penalmente rilevanti come abuso e omissione di atti d’ufficio, turbativa di pubblico servizio e inadempimento di pubbliche forniture.

Nell’esposto il Codacons chiede alle Procure di disporre, a titolo preventivo, anche il sequestro delle graduatorie delle prove di ammissione, onde evitare ulteriori danni ai candidati esclusi. Sempre oggi il Codacons ha aperto la raccolta di adesioni al mega-ricorso al Tar del Lazio, cui potranno partecipare tutti gli studenti esclusi dalle facoltà le cui prove di ingresso sono state caratterizzate da errori.

“Il ricorso – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – sarà presentato deducendo censure identiche per tutti i ricorrenti. Tra le altre motivazioni che porteremo dinanzi ai giudici, la violazione della par condicio e dell’art. 97 della Costituzione, deducendo ancora una volta l’incostituzionalità delle norme che limitano il diritto all’istruzione con i test di accesso”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Sono straniera e abito da più di venticinque anni in Italia, esattamente in Sicilia a Messina. Mia figlia diciotto anni, uscita quest’anno dal Liceo Scientifico con un buon voto di diploma decide all’inizio dell’estate di intraprendere la via difficile per entrare nella facoltà di Medicina. A Messina ci sono diverse scuole che preparano al test d’ingresso; una di loro, la più “famosa” chiede circa 8.000 euro per aiutare l’aspirante medico nel “difficile” cammino che consente l’accesso alla “prestigiosa” facoltà. Questa cifra mi sembra veramente esorbitante e l’idea stessa di dover pagare così tanto per poter usufruire del diritto allo studio è contraria alla mia morale. Decidiamo quindi, con mio marito, di rivolgerci ad un’altra scuola che organizza lezioni con richieste meno esose.
    Ma cosa viene a scoprire mia figlia il giorno del test…. ? Che nell’aula in cui fa esame, si è formato grazie a dei segni di riconoscimento prestabiliti, un gruppo degli alunni di quella scuola ( che mia figlia per la maggior parte conosce, poiché Messina è una “piccola città ”), e che questi ragazzi, sistemati l’uno accanto all’altro a pochi centimetri di distanza, non fanno altro (lo possiamo immaginare) che collaborare durante lo svolgimento delle prove. La cosa più grave è che i docenti incaricati di effettuare l’assistenza e la sorveglianza li lasciano, indisturbati, lavorare insieme.
    Sembra che sia andata così anche in altre aule. Il risultato di questa vicenda è che molti alunni di quella scuola, grazie a punteggi altissimi ( il lavoro in gruppo aiuta) sono entrati , alcuni ( lo spero ), per merito, altri, forse la maggioranza, perché assistiti da qualche compagno di squadra bravo.
    Mia figlia non è entrata, probabilmente non era abbastanza capace ma mi domando : Perché non è stata organizzata, per l’ingresso alla Facoltà di Medicina, così come è stato fatto , secondo la nostra esperienza, in altre facoltà come quelle di Ingegneria o di Farmacia, una selezione seria, con un’assistenza agli esami fatta in maniera rigorosa e con una sistemazione dei candidati nelle aule, stabilita dal computer o dal caso e non dalla libera scelta di candidati,già per alcuni ben allenati a lavorare in gruppo dalla scuola che li ha preparati ? E ancora : perché non viene offerta dagli Atenei stessi , a tutti i candidati, una valida preparazione a queste selezioni ( so che in alcune Università tale preparazione viene effettuata ). Iniziative di questo genere metterebbero la parola fine alle ingiustizie e al “business” che gira attorno alla questione dei Test.
    S.R 57

Lascia un commento
Previous Article

Uniroma1 premia studenti ad hoc

Next Article

Sapienza: appuntamento con la Scienza

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".