Test di Medicina, boom di segnalazioni: arriva l'interrogazione parlamentare

Il network legale Consulcesi ha registrato un’impennata delle segnalazioni: il 75% in più rispetto all’anno scorso. Nessun ateneo è risparmiato e gli studenti sono agguerriti. I quasi 60.000 partecipanti alla prova d’ingresso hanno dovuto attendere più di tre settimane ma finalmente ora possono accedere al loro punteggio; da questa mattina, infatti, possono consultare sia i risultati nominali della prova, il foglio risposte e la scheda anagrafica. Le informazioni non sono ancora pubbliche e per la graduatoria ufficiale bisognerà aspettare il 3 di ottobre. Per consultare risultati e punteggio è quindi necessario entrare nell’area riservata su Universitaly e accedere con le credenziali, poi cliccare su “Vai alla tua area riservata Medicina/Odontoiatria”.
Boom di segnalazioni. Dopo la prova d’ingresso il network legale Consulcesi – che si occupa della tutela dei medici e aspiranti tali – ha raccolto centinaia di segnalazioni dei candidati del test Medicina sulle scorrettezze e sulle irregolarità notate durante lo svolgimento della prova d’ingresso. Consulcesi ha così raccolto le segnalazioni più frequenti e gli atenei in cui si sono registrate più denunce. Non solo: quest’anno il network legale ha registrato un’impennata delle segnalazioni: il 75% in più rispetto all’anno scorso. Nessun ateneo è risparmiato e gli studenti sono agguerriti.
Dopo la valanga di segnalazioni dei candidati giunte allo sportello virtuale di Consulcesi –www.numerochiuso.info – a cui vi potete rivolgere per denunciare le scorrettezze a cui avete assistito durante il test medicina 2017, le istituzioni hanno accolto le proteste dei candidati che ora sono sul piede di guerra: il Senatore Antonio De Poli ha presentato un’interrogazione parlamentare – che ha già raccolto il sostegno di altri 11 senatori – rivolta alla Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli. De poli sostiene che è“necessaria l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato”, e propone un’ampliamento dei posti disponibili su scala nazionale, in particolar modo per gli studenti che presenteranno ricorso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

G7, tensioni con polizia a corteo studenti: fermati due giovani

Next Article

Call it magic

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.