G7, tensioni con polizia a corteo studenti: fermati due giovani

Noi giganti voi 7 nani” è lo slogan che ha aperto il corteo degli studenti che protestano contro il G7 in corso alla Reggia di Venaria e contro l’alternanza scuola. La manifestazione con circa 200 partecipanti è partita dalla stazione ferroviaria di Porta Susa, diretta alla stazione di Porta Nuova dove ad attenderli c’era un gruppo di manifestanti No Tav.  ‘La generazione sfruttata non starà a guardare’ e ‘Alternanza scuola-lavoro = sfruttamento gratuito’ alcuni dei cartelli portati dai giovani. Tra i manifestanti che scandiscono slogan contro il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che oggi a Venaria presiederà il summit sul Lavoro, sventolano anche bandiere No Tav, dei sindacati di base Cobas e Usb e di Rifondazione Comunista.

Momenti di tensione si sono registrati quando i manifestanti da corso Vittorio hanno tentato di entrare in via Carlo Alberto, una delle vie del centro città che porta a piazza Carlina, dove si trova l’hotel che ospita i ministri e le delegazioni del G7. Gli studenti sono entrati in contatto con le forze dell’ordine che presidiano l’imbocco della via, forzando il blocco e venendo respinti. Due le volte in cui i manifestanti hanno deviato dal percorso, cercando di raggiungere la piazza dalle vie laterali, bloccate dalla forze dell’ordine. 

“Oggi è stata una grande giornata, abbiamo fatto sentire la nostra voce e dimostrato che la città è nostra, abbiamo vinto”. Così gli studenti in corteo giunti poi a Palazzo Nuovo, dove ora stanno continuando la manifestazione con l’occupazione della sede delle facoltà umanisticheSarebbero due i giovani fermati dalle forze dell’ordine. La loro posizione ora è al vaglio degli inquirenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le 15 città migliori in cui fare l'Erasmus

Next Article

Test di Medicina, boom di segnalazioni: arriva l'interrogazione parlamentare

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.