Teramo, intesa rinnovata con le Entrate

I laureandi e i neolaureati dell’Università degli Studi di Teramo continueranno a usufruire delle sinergie attivate con l’Agenzia delle Entrate dell’Abruzzo: è stata, infatti, rinnovata per altri 12 mesi la convenzione che darà la possibilità di svolgere tirocini di formazione e orientamento presso uno dei 15 uffici fiscali dislocati sul territorio regionale.
La convenzione, siglata dal direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate dell’Abruzzo, Giovanni Achille Sanzò e dal rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Mauro Mattioli, mira a realizzare un raccordo tra l’università e il mondo del lavoro per agevolare gli studenti a orientarsi nei diversi settori nei quali esplicheranno le conoscenze e le competenze acquisite negli studi universitari.
«Da sempre il nostro ateneo – ha dichiarato Mattioli – ha affidato un ruolo considerevole ai rapporti con le istituzioni del territorio, attivando sinergie virtuose, come quella con l’Agenzia delle Entrate, che consentono ai nostri laureati di raggiungere risultati rilevanti per la formazione e per l’ingresso nel mercato del lavoro».
«I progetti formativi saranno predisposti dagli uffici dell’agenzia – ha sottolineato Sanzò – in modo da consentire ai tirocinanti di apprendere e sviluppare, passando dalla teoria alla pratica, gli aspetti tecnici e operativi del sistema tributario italiano e di comprendere il funzionamento dell’amministrazione finanziaria nelle due diverse linee di attività, quella di informazione e di assistenza fiscale ai contribuenti e quella della gestione, dell’accertamento e della riscossione dei tributi erariali».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Elio De Capitani in scena alla Sapienza

Next Article

Bari, in mutande contro i tagli

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.