Bari, in mutande contro i tagli

L’Unione degli universitari passa alla protesta silenziosa e dimostrativa. Oggi infatti a Bari una cinquantina di studenti è entrato per protesta senza pantaloni nell’Aula Magna dell’ateneo dove era in corso un convegno della Fondazione Giovanni Agnelli per la presentazione del “Rapporto sulla scuola in Italia 2009” cui partecipava Valentina Aprea (Pdl), presidente della Commissione Cultura, scienza e istruzione della Camera.
Gli studenti sono entrati in mutande nella sala e hanno cominciato a seguire i lavori in silenzio. “Abbiamo evidenziato all’onorevole Aprea il disagio e la preoccupazione degli studenti universitari” ha spiegato Claudio Riccio, uno dei manifestanti.
La protesta era iniziato poco prima, quando un gruppo di studenti – una cinquantina di persone – si è riunito nell’atrio della facoltà di Lingue. Una quindicina di ragazzi era già in maglietta bianca e boxer. Lì quindi è iniziato un sit-in e un volantinaggio per protestare contro i tagli all’Università. L’iniziativa rientra nella settimana di mobilitazione indetta dagli studenti sul tema del diritto allo studio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Teramo, intesa rinnovata con le Entrate

Next Article

Italia e Svezia unite nella Ricerca

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".