Tecnologia. La radio del futuro avrà canali infiniti

Radio con canali infiniti e super telescopi spaziali sono i prossimi passi della nanotecnologia. Se ne è discusso durante il convegno internazionale “The future of science” organizzato dalla Fondazione Veronesi a Venezia. Se guardiamo alla tecnologia moderna sembrano passati millenni dalla prima trasmissione radio eppure i passi che la ricerca può ancora fare sono tantissimi.
Fotoni emessi da un laser in un fascio coerente (fonte: Aeronautica degli Stati Uniti)

Radio con canali infiniti e super telescopi spaziali sono i prossimi passi della nanotecnologia. Se ne è discusso durante il convegno internazionale “The future of science” organizzato dalla Fondazione Veronesi a Venezia. Se guardiamo alla tecnologia moderna sembrano passati millenni dalla prima trasmissione radio eppure i passi che la ricerca può ancora fare sono tantissimi.

Il segnale radio oggi è limitato dal fatto che solo due segnali indipendenti possono essere trasmessi ad ogni frequenza, elemento aggravato dall’aumento dell’uso di dispositivi mobili e dalla conseguente congestione della banda disponibili. “Ad esempio, a Capodanno, quando si vuole mandare un messaggio di auguri, di solito questo non parte mai, perché non c’é più banda disponibile per tutti – ha spiegato Fabrizio Tamburini, astrofisico dell’università di Padova – una delle possibili soluzioni alla congestione della banda è l’uso di altre proprietà delle onde elettromagnetiche. Tra queste il momento angolare orbitale (OAM) del fotone attraverso una singola frequenza, è possibile generare molti stati indipendenti di momento un diverso angolare, come nel caso di un fascio laser”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nel “Piano europeo Crescita per il Sud'' né spazio né tempo per la ricerca

Next Article

Un racconto per realizzare un cortometraggio

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.