Studentessa rifiuta di dare lo smartphone a scuola: finisce in rissa tra preside e parenti

Succede in un liceo scientifico di Latina. E l’irruzione dei parenti dal preside fa scattare un’indagine

Nella storia delle scuole che fanno consegnare gli smartphone agli studenti prima dell’inizio delle lezioni è degno di nota quello che è accaduto al liceo scientifico Majorana di Latina. La scorsa settimana una studentessa di 14 anni si è rifiutata di consegnare lo smartphone sostenendo di non essere sicura della sua custodia.

Dopo aver preso una sanzione disciplinare, ha telefonato al padre. Che si è presentato a scuola con il fratello e un’altra persona e ha avuto un lungo alterco con il preside. Facendo intervenire alla fine una volante della polizia e due ambulanze. Il dirigente scolastico presenterà una denuncia, mentre la polizia di Latina ha inviato un’informativa alla procura.

Ma intanto circola il messaggio audio su Whatsapp che la ragazza ha inviato per spiegare il suo comportamento: “Ho il diritto di oppormi, certe cose non le accetto e non voglio piegarmi al sistema. Ho preso una nota e va benissimo. Il preside non ha voluto ricevere i miei parenti, solo in questura li hanno fatti parlare. Regà, davvero nella mia indole alzare le mani è l’ultima cosa, vi dico che è stato il preside ad alzare le mani al socio di mio fratello”. Intanto nella scuola un volantino annuncia nuove proteste.

Leggi anche:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuole e università colabrodo: quello di Cagliari è l'undicesimo crollo in soli due mesi

Next Article

Cagliari crollo università: Polizia sequestra atti lavori edificio. Studenti: "A morire andateci voi"

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.