Picchiata da sette ragazze nel bagno della scuola per una vendetta d’amore: 13enne finisce al pronto soccorso

La brutale aggressione è avvenuta due giorni fa in un istituto superiore di Parma. La studentessa è stata “punita” per essere la migliore amica di un ragazzo che piace ad una componente del branco. Le immagini del pestaggio riprese con un cellulare sono finite sul web.

Picchiata nel bagno della scuola da un gruppo di ragazze che volevano punirla soltanto perché era la migliora amica di uno studente che piaceva a una del “branco”. È successo a una ragazza di 13 anni di un istituto superiore di Parma il cui video, con lei che riceve delle ginocchiate in testa mentre è obbligata a restare seduta su un water, è finito su Instagram. I genitori della minorenne hanno presentato denuncia ai carabinieri mentre i vertici della scuola hanno avviato un’indagine interna che potrebbe portare a pesanti provvedimenti ai danni delle studentesse che hanno messo in atto la brutale aggressione.

A riportare l’episodio è la Gazzetta di Parma a cui la mamma della 13enne ha esternato anche tutto il suo dolore per quelle immagini che per poco meno di un giorno sono state messe sul web ma che lei ha avuto la prontezza di scaricare e portare ai carabinieri per formalizzare la denuncia. “Non cerco vendetta, non voglio enfatizzare la cosa. Ma mi sembra un episodio grave, molto preoccupante. Quel video mostra una scena di una violenza gratuita a cui io non ho mai assistito prima. E soprattutto adesso mia figlia non se la sente di tornare in classe, ha timore di riaffrontare quella scuola” ha raccontato la donna.

Tutto è accaduto due giorni fa: una ragazzina di appena 13 anni è stata presa e con la forza portata in bagno per essere punita. La sua colpa? Essere la migliore amica di un coetaneo che piace tanto ad una sua compagna di classe. E visto che lui pare non ricambiare, deve essere lei a pagare il prezzo di quello che viene visto come un affronto. La ragazza così è stata prelevata in corridoio e portata in uno dei bagni dove ad attenderla c’erano altre sette ragazze che l’hanno iniziata ad offendere e minacciare. Poi, una di loro, l’ha presa per i capelli e approfittando del fatto che era seduta sul water, ha iniziato a darle ginocchiate in testa come testimonia il video adesso in mano agli inquirenti.

Le immagini raccontano anche di risatine divertite da parte delle altre ragazze che assistevano al pestaggio. Alcune di loro immobilizzano le mani della 13enne, un’altra alla fine della violenza le dà un bacio sulla fronte. Tornata a casa con il volto pieno di lividi, la studentessa ha raccontato tutto alla madre che ha provveduto a portarla al pronto soccorso per una visita di controllo e da dove è uscita con una prognosi di qualche giorno.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Crollo ex aula magna Università di Cagliari, studenti commentano in diretta: "Cos'è quel fumo?"

Next Article

Crollo ex aula magna Università di Cagliari, il rettore Mola a Corriereuniv.it: "Rilievi anche in altri edifici per sicurezza"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".