Studentessa di Medicina scopre un tumore sul collo di un magazziniere durante una partita di hockey: premiata con 10mila dollari

È l’incredibile storia di Nadia Popovici, studentessa 22enne di Medicina, che si è accorta di un melanoma sul collo di un magazziniere della squadra avversaria mentre era in corso la partita tra Seattle e Vancouver. Dopo l’appello sui social la sera di Capodanno c’è stato l’incontro tra la ragazza e l’uomo (salvo grazie a lei) e la consegna di una borsa di studio da 10mila dollari.

Ha salvato la vita a un magazziniere di una squadra di hockey su ghiaccio accorgendosi di un melanoma mentre era in corso una partita. È l’incredibile storia di Nadia Popovici, studentessa di Medicina e tifosa dei Seattle Kraken, squadra di hockey su ghiaccio della metropoli dello Stato di Washington, che la sera di Capodanno da ricevuto una borsa di studio da 10mila dollari per aver diagnosticato in diretta un tumore ad un addetto ai materiali della squadra ospite, i Vancouver Canucks, nonostante la distanza tra l’uomo e il posto da spettatrice dove la ragazza era seduta.

La storia – raccontata questa mattina da Repubblica – è cominciata a fine ottobre quando Nadia era andata a vedere la partita della lega professionistica nordamericana Nhl. La 22enne studentessa di Medicina si trovava proprio dietro la panchina degli ospiti, separata solo da un divisorio in plexiglass, e si è accorta che sul collo di Brian Hamilton, addetto ai materiali dei Canucks, c’era una strana macchia che poteva essere un melanoma. Non ha perso tempo, ha scritto un messaggio a caratteri cubitali sul proprio cellulare e ha richiamato l’attenzione di Hamilton posizionando l’apparecchio sul plexiglass.

Il neo sul suo collo potrebbe essere tumorale. Per favore vada a fare una visita medica”, c’era scritto. Nonostante la stravaganza del messaggio una volta rientrato a Vancouver l’uomo si è fatto visitare da uno specialista. La biopsia non ha lasciato spazio ad alcun dubbio: melanoma maligno, subito operato e rimosso. Tutto merito della studentessa che però per l’uomo restava una perfetta sconosciuta.

Così la squadra canadese ha perciò lanciato un appello sui social per ritrovarla: alla fine con il passaparola sono riusciti a rintracciarla e a invitarla allo stadio dove ha potuto abbracciare Hamilton e la sua famiglia. Durante l’intervallo tra il primo e il secondo tempo della partita è stato annunciato il contributo a Nadia di 10 mila dollari per i suoi studi in Medicina.

Total
2
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ritorno a scuola, anche la Francia tira dritto: contact tracing rafforzato e 3 tamponi in 4 giorni in caso di positività

Next Article

Covid, la Fondazione Gimbe lancia l'allarme: "Se teniamo aperta la scuola bisognerà chiudere qualcos'altro"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".