Ritorno a scuola, anche la Francia tira dritto: contact tracing rafforzato e 3 tamponi in 4 giorni in caso di positività

Anche nel resto d’Europa la linea di non arrendersi all’avanzata del virus sembra essere la strada maestra. In Francia le lezioni sono riprese oggi: si punta tutto sul rafforzamento delle misure di prevenzione di tracciamento dei casi positivi.

Mentre in Italia l’ipotesi di un rinvio del ritorno a scuola dopo le vacanze di Nale si fa sempre più improbabile, nonostante il pressing delle Regioni, nel resto d’Europa la situazione sembra essere molto simile a quella che si sta delineando in Italia.

Scuole riaperte oggi in Francia per un rientro dopo le vacanze all’insegna dell’incertezza per l’impatto senza precedenti sui contagi della variante Omicron. I rischi principali, oltre ad un’ulteriore diffusione del virus (negli ultimi giorni i contagiati sono stati oltre 200.000 ogni
24 ore) sono la chiusura delle classi e il rischio di contagio per gli insegnanti, con conseguente assenteismo di massa.

Sul piano del protocollo sanitario, non ci sono grandi cambiamenti, a parte le regole per le scuole elementari: il ministro dell’Educazione nazionale, Jean-Michel Blanquer, ha deciso il rafforzamento del “contact tracing” per i bambini, con l’obbligo di sottoporre gli studenti più giovani a 3 tamponi in 4 giorni dopo l’individuazione di un caso di positività nella loro classe. Il rientro sui banchi “avverrà su presentazione di un risultato negativo”, ha precisato il ministro. Il governo, di fronte alle preoccupazioni dei sindacati e del personale, ha respinto l’appello giunto da più parti per il rinvio di una settimana della riapertura dopo le vacanze di Natale

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dad, governo dice no. Ipotesi rinvio rientro a scuola e green pass studenti

Next Article

Studentessa di Medicina scopre un tumore sul collo di un magazziniere durante una partita di hockey: premiata con 10mila dollari

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).