Studente universitario? Se doni lo sperma ti pagano 600 euro

sperma

Donare lo spermaUn ospedale cinese offre un generoso compenso ai ragazzi che donano il proprio seme. Una misura per combattere la carenza cronica di donatori. Ma c’è chi riesce a guadagnare anche 1.800 euro al mese

 

In Cina, se sei uno studente universitario e doni lo sperma ti pagano 600 euro. Questa la bizzarra proposta dell’Jiangsu Peoplès Hospital, nella provincia del Nanjing, che a causa della cronica carenza di donatori ha deciso di pubblicare un’inserzione sul giornale locale, il Want Daily.

Nell’annuncio sono specificati i requisiti che deve avere il donatore: essere tra i 20 e i 50 anni, avere un diploma di studi superiori, possibilmente una laurea, o essere iscritto all’Università. In cambio della prestazione vengono offerti 5.000 yuan, equivalenti a poco più di 600 euro.

Una cifra elevata che si spiega con la tradizionale reticenza dei cinesi a donare il liquido seminale; non a caso, infatti, pochissimi ragazzi hanno risposto all’annuncio.

Tuttavia alcuni più intraprendenti hanno già cominciato a organizzarsi: donando il proprio seme tre volte al mese riuscirebbero a guadagnare più di 1.800 euro mensili, uno stipendio di tutto rispetto per uno studente.

Nel frattempo, però, anche gli ospedali si organizzano e nascono nuove figure professionali legate al settore: in Cina, infatti, molti si sono inventati “cercatori di donatori”, esperti capaci di portare forze fresche alle banche del seme in cambio di una percentuale sul pagamento della donazione.

Chissà che effetto sortirebbe un simile annuncio se venisse pubblicato in Italia?

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

Nuovo orario Trenitalia: niente più InterCity per gli studenti

Next Article

Italia Camp e l'impegno per le riforme costituzionali

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".