Storie di maestri che cambiano la vita, al via la campagna #RingraziaUnDocente

Gli insegnanti italiani vengono pagati in ricordi e stima, perché una retribuzione adeguata all’importanza del loro lavoro, in Italia, non riusciamo a dargliela. 

Dal 7 al 13 maggio la Settimana italiana dell’insegnante, giunta alla quarta edizione. L’idea dei ragazzi del Galilei-Costa di Lecce: “Raccontate un professore che non dimenticherete”. C’è chi ringrazia la maestra delle elementari per tutto quello che gli ha insegnato e chi ricorda il professore delle medie o delle superiori. Scatta la quarta edizione della Settimana italiana dell’insegnante, che si concluderà domenica 13. Una iniziativa promossa, attraverso l’hashtag #RingraziaUnDocente, dagli studenti dell’istituto Galilei-Costa di Lecce e dal sito internet Your Edu Action. L’idea è quella, spiegano i promotori, di ringraziare “una o un insegnante che ha rappresentato qualcosa di importante nella propria vita e nella propria crescita”. E che cade in un momento particolare in cui i docenti si trovano in prima linea a fronteggiare, spesso con conseguenze drammatiche, studenti sempre più aggressivi e genitori che non ne vogliono sapere di essere messi in discussione.

Ringrazia il tuo docente preferito

La Settimana italiana dell’Insegnante offre l’opportunità agli studenti, ma anche a coloro che non si trovano più tra i banchi di Scuola di ringraziare il docente o i docenti che sono stati particolarmente significativi nel proprio percorso educativo e di formazione.
Tutti noi abbiamo avuto un professore preferito che con le sue lezioni ci ha fatto amare la materia, ha segnato il nostro essere e ci ha stimolato ad intraprendere determinati percorsi. A questi straordinari professionisti del sapere dalla settimana dal 2 all’8 maggio c’è la possibilità di dire grazie con l’#ringraziaundocente su Twitter e/o su facebook. Su quest’ultimo è stato creato un evento: ‘Settimana italiana dell’Insegnante 2016’ che ha già riscosso un grande successo, oltre 1,3 mila interessati, a cui potrete ovviamente partecipare. 
Oggi l’Italia, che vanta una straordinaria tradizione culturale, dovrebbe istituire, come in altri paesi, un ‘Teacher’s Day’ o una ‘Teacher appreciation week’. Olanda, USA, Marocco e Germania sono solo alcune realtà che celebrano la professione del docente. La valorizzazione della figura dell’insegnante è oggi un tema attuale ed essenziale in una realtà in cui, come abbiamo detto sopra, non viene adeguatamente riconosciuta e non solo da un punto di vista economico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Hannes, la mano robot dalla presa perfetta

Next Article

Viaggio ad Auschwitz

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.