Stage Banca Mondiale: lavoro negli Stati Uniti

La Banca Mondiale, offre, due volte l’anno, la possibilità di svolgere tirocini retribuiti a Washington e presso altre sedi

La Banca Mondiale, offre, due volte l’anno, la possibilità di svolgere tirocini retribuiti a Washington e presso altre sedi.

Al momento sono aperte le selezioni per partecipare agli stage Banca Mondiale previsti per l’estate 2021. Per candidarsi c’è tempo fino al 31 Gennaio 2021.

FORMAZIONE E LAVORO IN BANCA MONDIALE

Ogni anno la Banca Mondiale offre a laureati iscritti a corsi di dottorato o specializzazione l’opportunità di partecipare a tirocini presso l’headquarter statunitense o altri uffici locali. I percorsi di formazione e lavoro negli Stati Uniti vengono attivati due volte l’anno, ovvero nel periodo estivo e in quello invernale.

Sia gli stage estivi che gli stage invernali hanno una durata minima di 4 settimane e, ogni anno, coinvolgono circa 150 – 200 tirocinanti

Anche per il 2021 è possibile partecipare agli stage Banca Mondiale e fare un’esperienza di lavoro negli USA. Ecco tutte le informazioni sul programma di internship della World Bank e come candidarsi.

REQUISITI

I tirocini Banca Mondiale sono rivolti a laureati che stanno seguendo un percorso di studio post laurea come un master, oppure studenti universitari che hanno completato la laurea triennale e stanno seguendo la specialistica oppure il dottorato. I candidati possono provenire da tutti i Paesi membri della World Bank e sono ammesse tutte le tipologie di lauree, ma gli ambiti di studio più richiesti sono economia, finanza, sviluppo umano (sanità pubblica, istruzione, nutrizione, popolazione), scienze sociali (antropologia, sociologia), agricoltura, ambiente, sviluppo del settore privato, contabilità, comunicazione, gestione delle risorse umane, tecnologia informatica, tesoreria e altri servizi aziendali.

Per lavorare in Banca Mondiale nell’ambito del programma di stage estivi e invernali occorre, inoltre,  avere un’ottima conoscenza della lingua inglese. Sono considerati titoli preferenziali la conoscenza di altre lingue come Francese, Spagnolo, Russo, Arabo, Portoghese e Cinese, il possesso di competenze informatiche e l’aver maturato esperienze di stage o lavoro.

PERIODO E DURATA

La World Bank ogni anno avvia due selezioni per reclutare giovani interessati a realizzare tirocini formativi presso le proprie sedi. I programmi Summer World Bank Internship e Winter World Bank Internship sono così articolati:

  • stage estivi: maggio – settembre (ci si candida dal 1° dicembre al 31 gennaio di ogni anno);
  • stage invernali: novembre – marzo (ci si candida dal 1° al 31 ottobre di ogni anno).

La prossima scadenza utile per l’invio della candidatura, dunque, è il 31 gennaio 2021, per partecipare ai tirocini estivi World Bank negli USA (World Bank Summer Internship Program).

RETRIBUZIONE

tirocini sono retribuiti. La Banca Mondiale paga i tirocinanti su base oraria per le ore di lavoro effettivamente realizzate e in alcuni casi copre le spese di viaggio. Lo stipendio viene definito di anno in anno mentre il rimborso spese può arrivare fino a 3.000 dollari (circa 2.700 euro). Vitto e alloggio sono a carico degli stagisti.

COME CANDIDARSI

Gli interessati agli stage Banca Mondiale possono candidarsi visitando la pagina dedicata ai tirocini World Bank e compilando l’apposito form online, entro le date di scadenza previste per partecipare alla sessione estiva o a quella invernale.

Generalmente la Banca riceve circa 5.000 candidature ogni anno per il programma estivo e 2000 – 3000 per quello invernale, pertanto, data la numerosità delle candidature, non comunica a tutti i candidati l’esito della selezione, ma contatta solo quelli ritenuti idonei.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Falsi esami all’Università di Cosenza: venti condannati tra studenti e impiegati

Next Article

Le Ali dell’Identità: concorso di idee per grafici, illustratori e artisti

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.