Sport e integrazione: convegno a Roma Tre sabato 11 gennaio

calcio-immigrazione

La UISP (Unione Italiana Sport per tutti) e l’Ufficio Iniziative Sportive dell’Università degli Studi Roma Tre presentano“Liberi di giocare”, un convegno su immigrazione e diritto di cittadinanza, che trovano nello sport il terreno ideale per manifestare le loro istanze e le loro migliori potenzialità.

La presenza degli stranieri è una risorsa da valorizzare e un’opportunità per creare nuove vie per l’integrazione e nuove scelte interculturali. L’incontro è anche un’occasione per individuare e segnalare esperienze di vita associativa e possibili percorsi nell’ambito dell’integrazione sociale tramite lo sport.

Una riflessione sulla cittadinanza nel nostro Paese e sui temi dell’accesso e delle barriere alla pratica sportiva.

Pomeriggio: orario 14.30 – 18.00 presso Uisp Comitato di Roma Viale Giotto 18

Educazione e Cittadinanza: sport, scuola e tempo libero in collaborazione con UISP Politiche Sociali Educative e Giovanili; La rete associativa UISP, eventi e campagne

 

Interverranno:

Fabio Bocci, docente di Scienze della Formazione Roma Tre;

Carlo Paris, giornalista RAI;

Mauro Valeri, sociologo responsabile dell’Osservatorio su razzismo e antirazzismo nel calcio;

Piero Soldini, responsabile immigrazione CGIL;

Mercedes Frias, Comitato “Nella stessa barca” e “Prendiamo la parola”;

Max Gallob, Associazione “Sport alla Rovescia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alternanza scuola lavoro: stanziati 20,5 milioni

Next Article

Il Ministro Carrozza lancia il sondaggio "La scuola che vorrei". Partecipa al dibattito su Corriere Univ

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".