Sostenibilità e transizione socio-ecologica, i Ministeri di Istruzione e Università incontrano le cattedre Unesco

Il ruolo centrale dell’educazione, la necessità di una conoscenza integrata, lo sviluppo di nuove competenze e l’impegno per una transizione ecologica partecipata e condivisa. Questi alcuni dei temi al centro dell’incontro delle Cattedre Unesco italiane con i Ministeri dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca.

L’incontro è stato aperto dal Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, e dal Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa. Hanno partecipato, inoltre, il Presidente della Commissione Italiana per l’Unesco (CNIU) Franco Bernabè e la Vice Direttrice Generale dell’Unesco per l’Educazione, Stefania Giannini.

Le Cattedre Unesco italiane, con il progetto “Dialoghi delle Cattedre Unesco: un laboratorio di idee per il mondo che verrà”, hanno avviato un percorso per proporsi come soggetto collettivo ad alto profilo scientifico e come comunità di saperi per contribuire alla sfida della sostenibilità e alla transizione socio-economica. L’incontro è la sintesi di un anno di confronto e dialogo tra i titolari delle Cattedre Unesco italiane impegnati nello sviluppo dell’educazione e della conoscenza in relazione alle sfide ambientali e sociali globali e per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

A tal fine, le Cattedre Unesco italiane sono al lavoro per fornire un laboratorio idee e conoscenze per le future generazioni, attuare un approccio educativo transdisciplinare e transnazionale, contribuire a introdurre la sfida ambientale nell’educazione scolastica e universitaria, sviluppare strumenti di condivisione e diffusione della conoscenza proponendosi come ponti tra il mondo accademico, la società civile e i decisori politici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Conferenze “no vax” a scuola, a Sassuolo scoppia la bufera

Next Article

30 Borse di studio per tirocini a Malta, opportunità per i giovani del Mezzogiorno

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).