Sit in dei dirigenti scolastici contro il Miur: “Così si scippano le risorse dei presidi”

presidi protesta miur

Presidi in piazza per protestare contro la mancata assegnazione di fondi per l’aumento degli stipendi – Domani, giovedì 23 gennaio alle ore 11.30, i dirigenti scolastici di tutta Italia protesteranno davanti alla sede del Ministero dell’Istruzione, a Roma.

Oggetto della contestazione le risorse Ria (Retribuzioni individuali di anzianitàri  circa 18 milioni di euro versati da presidi in pensione e destinati ai nuovi dirigenti scolastici che il Ministero dell’Economia non riconosce ed impedisce pertanto che vengano assegnati al fondo nazionale per i presidi in servizio attraverso le direzioni regionali del Miur.

“Il governo si è ricordato dei professori che fortunatamente non dovranno restituire allo Stato nemmeno un centesimo, ma si è dimenticato dei presidi – dichiara a Il Corriere della Sera Giorgio Rembado, presidente dell’Associazione nazionale presidi – Non si vogliono utilizzare le risorse provenienti dal Ria (Retribuzioni individuali di anzianità) versati da presidi in pensione e destinati ai nuovi dirigenti scolastici. Sono soldi nostri che l’erario c’impedisce d’impiegare altrimenti”.

“Quindi se si congelano e si scippano le risorse dei presidi che vanno in pensione a favore dei di quelli in servizio, avviene che questi ultimi guadagnino duemila euro in meno rispetto al passato – continua Rembado – Quando invece le responsabilità aumentano: ogni preside ha in media 5-6 scuole e quando ha anche la reggenza, si arriva a 10-12. Inevitabile dunque che sia cambiato il ruolo del dirigente scolastico: di certo non conosce, come un tempo, uno per uno tutti i suoi alunni. Oggi è un manager, una sorta di direttore generale che delega e compie continui controlli di gestione come nelle grandi aziende,. Avendo però ahimè soltanto gli oneri non gli onori di un compito così delicato e impegnativo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'antimateria esiste ed è al CERN di Ginevra. Cronaca di una scoperta storica

Next Article

Apple lancia il servizio di eBook per le scuole anche in Italia

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.