Sfida aeronautica: gli studenti di Udine volano a Stoccarda

Formata da un gruppo di otto studenti di ingegneria meccanica dell’ateneo friulano, la squadra di AeroUD parteciperà alla competizione aeronautica internazionale Air Cargo Challenge 2015 che si terrà a Stoccarda (Germania) dal 7 al 9 agosto.
Alla sfida, che consiste nella progettazione, realizzazione e test di volo di velivoli radioguidati, AeroUD si presenta con il prototipo FB2, messo a punto dal team in due anni di lavoro sotto la supervisione di Luca Casarsa e Marco Giovagnoni, docenti del Dipartimento di ingegneria elettrica, gestionale e meccanica. Gli studenti, divisi nei tre gruppi di lavoro dedicati ad aerodinamica, strutture e impianti sono Roberto Costantini, Stefano Da Re, Francesco Fabbro, Luca Furlani, Luca Gasparin, Andrea Lorenzon, Fabio Pagnacco e Leonardo Rugo.
Dal 2003 Air Cargo Challenge si svolge ogni due anni in Europa, attirando partecipanti da tutto il mondo. Riservata a studenti universitari, dottorandi o assegnisti di ricerca, la competizione offre ai partecipanti la possibilità di misurarsi con una concreta esperienza ingegneristica, mettendo alla prova le loro competenze nelle diverse fasi di ideazione, costruzione e messa in volo di un aeroplano radiocomandato. Vince la gara il prototipo che risulta in grado di trasportare il carico pagante maggiore nel minor tempo.
Dopo il quarto posto guadagnato nel 2013 al concorso Sae aerodesign di Dallas (Texas), la squadra di AeroUD è adesso pronta a migliorare ulteriormente il risultato e a salire sul podio. «C’è poi l’obiettivo a lungo termine – spiega Luca Casarsa – di fare sì che questa preziosa esperienza didattica e formativa non rimanga un’occasione sporadica, ma diventi una solida tradizione all’interno del nostro ateneo».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio di Stato: "Paghe più alte ai ricercatori che insegnano"

Next Article

Opportunità di lavoro in Belgio per infermieri professionisti: stipendio da 3.100 euro

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.
Leggi di più

Balli, tutorial e meme: ecco i nonni social che sbancano Tik Tok. “Cercati dalle aziende come i veri influencer”

Gli ospiti di una residenza per anziani di Carpi, in provincia di Modena, sono diventati star del popolare social network seguitissimo dai giovanissimi. I loro video raggiungono quasi 500mila persone e stanno spingendo le aziende specializzate nella vendita di prodotti per la terza età a contattarli per avviare delle sponsorizzazioni.