Sesso a scuola, arrestato un bidello

scola-bidello

Ancora un caso di violenza sessuale a scuola. Questa volta è stato un bidello ad essere arrestato in flagranza di reato, in una scuola elementare di Vimercate, in Biranza. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri l’uomo, sessantacinquenne, sarebbe accusato di violenza sessuale ai danno di alcune alunne.

Le indagini sarebbero partite proprio in seguito alle confidenze di una ragazzina della scuola Emanuele Filiberto di Vimercate alla sua maestra, alla quale aveva raccontato di essere stata violentata nei bagni dell’istituto. Nello specifico, va detto che l’uomo – originario della Sardegna – è stato arrestato lunedì, mentre cercava ancora di molestare una ragazzina nei bagni.

Le indagini della Procura della Repubblica di Monza sono partite già dal 25 gennaio, in seguito alle segnalazioni. L’operatore scolastico è stato tenuto sotto un costante monitoraggio, fino all’arresto. L’uomo era solito toccare le piccole nelle parti intime. Dopo l’arresto i carabinieri hanno spiegato alla moglie l’accaduto, ignara di tutto. Sono stati inoltre sequestrati un pc portatile e dei dvd nella casa del bidello, per verificare il possesso di materiale illecito.

RN

Total
0
Shares
1 comment
  1. Sesso nei bagni sesso nelle aule delle scuole e sesso a casa con i professori .. poco con le professoresse e maestre..
    Fatto per Amore o non amore chissà.. In noto Istituto scolastico di Saluzzo in Piemonte Provincia di Cuneo Italia.. di certo si è fatto sesso per prendere alti voti ma non certo per voto d’amore..misto anche a pratiche di rito scozzese alla massone satanismo.. alti voti oggi bel lavoro nel futuro..comunque l’inchiesta è attualmente in in corso.Lavare i peccati nelle piscine vicine clorate a quanto pare a nulla è servito altre verità salteranno fuori. Come si vede in certe scuole italiane si fa tutt’altro in vari ambienti scolastici e fuori scolastici..
    Morando

Lascia un commento
Previous Article

Le verdure fanno male, ecco perchè

Next Article

Nel Sud Italia 150mila iscritti in meno in cinque anni

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".