Sesso a rischio: uomini e donne soffrono di disfunzioni

sesso a rischio

Piu’ del 70% degli uomini e l’81% delle donne ha problemi di intimita’ sessuale. Non solo. Nel confronto con altri Paesi gli italiani sono quelli che meno riescono a godersi la vita quando soffrono di questi problemi. Risultati: tensione, discussioni e litigi che mettono a rischio i piu’ semplici piaceri della vita di coppia. E’ quanto emerge da un’ indagine promossa da Eli Lilly in 8 paesi tra cui l’Italia, su un campione di uomini e donne che soffrono di disfunzione erettile e sintomi urinari, in occasione del Convegno scientifico Internazionale della International society for sexual medicine (Issm) e della European society for sexual medicine (Essm), in corso a Berlino. L’obiettivo: comprendere come le due problematiche compromettendo il rapporto col partner, oltre a capire quali siano le difficolta’ nell’affrontare il problema con il medico.

“I sintomi urinari – si legge in una nota – sono vissuti dall’uomo come parte del naturale invecchiamento in misura molto maggiore rispetto alla disfunzione erettile (47% rispetto al 36% della disfunzione erettile) e per questo gli uomini tendono ad abbattersi e rassegnarsi. Quasi nel 60% dei casi subentra la sensazione di sentirsi vecchi e tutto cio’ crea tensioni nella coppia, discussioni di cui risentono in modo particolare le donne che segnalano in misura doppia rispetto agli uomini che alla fine “ci si evita”.

Se l’imbarazzo nel parlarne e’ forte – continua la nota – (lo confessano il 75 % degli uomini) contrariamente a quanto ci si aspetta, i problemi di disfunzione erettile sono meno imbarazzanti nel colloquio con il medico rispetto ai sintomi urinari (57% contro 43%), segno che la De inizia ad essere ormai un tabu’ superato, mentre c’e’ ancora poca conoscenza delle conseguenze dell’ingrossamento della prostata e, quindi, dei sintomi urinari collegati. La correlazione esistente fra la De e i sintomi urinari e’ ancora poco conosciuta dagli uomini, solo il 40%, mentre le donne mostrano di essere piu’ informate dei loro compagni (60%)”.

“Nell’ultimo decennio la felicita’ sessuale – spiega Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica dell’Ospedale San Raffaele-Resnati di Milano – e’ diventata uno dei valori fondanti anche tra gli over 50 e per questo, quando ai problemi di disfunzione erettile che ostacolano la vita sessuale si aggiungono i sintomi urinari che condizionano anche piu’ semplici piaceri della vita a due, il carico di frustrazione e insoddisfazione nella coppia puo’ diventare esplosivo.Tuttavia – continua l’esperta – il fatto che ci si confronti, anche in maniera vivace, e’ comunque un segnale positivo rispetto al passato e denota una maturita'”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La cultura come risorsa, Bray al Benincasa

Next Article

Castel Sant'Elmo, concorso di idee per giovani artisti

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"