Senza laurea ma con un padre ex presidente, insegnerà diritto all’università

Schermata 2013-01-23 a 16.35.14

E’ il presidente di un noto partito politico guidato dal padre, non ha una laurea ma insegnerà diritto all’Università. Indovina chi è?
No, non è il Trota ad aver puntato così in alto. Questa volta l’Italia non c’entra. Ci trasferiamo in Francia, dove è il secondogenito dell’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, il ventiseienne Jean, ad aver sollevato le polemiche.
Il Paese s’indigna: è proprio vero.

Il giovane delfino di Francia, molto amato dalle ragazze, figura tra i nuovi insegnanti dell’Università Paris-Est Créteil, che si trova nella Valle della Marna.

La notizia è stata data dal sito della radio Lab d’Europe 1 ed è subito rimbalzata su Twitter, scatenando accuse di nepotismo. Il primo cinguettio è stato pubblicato da uno studente, che ha postato la foto di un dossier di carattere pedagogico sulla copertina del quale appare il nome del figlio dell’ex presidente francese.
Jean inizierà ad insegnare tra qualche settimana “Diritto speciale delle società”, in qualità di insegnante precario.
“Ogni anno designo insegnanti precari, non è niente di eccezionale”, ha detto il professore responsabile, Philippe Dupichot, senza dare ulteriori delucidazioni.
Secondo L’Express, Jean Sarkozy aveva interrotto i suoi studi per presentarsi alla presidenza dell’Epad, il partito del padre.
Molto critico Emmanuel Zemmour, presidente dell’Unef (Union Nationale des Etudiants de France), che ha detto: “Davvero pochi studenti che hanno avuto un percorso così caotico sono riusciti a raggiungere risultati simili”. “Questa nomina fa sorridere”,  poi  ha aggiunto: “non vogliamo attaccare questa nomina, non se ne  conoscono ancora i termini”.

A.Z.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

10 euro alle maestre per abbracciare i loro figli

Next Article

Laureati in lingue, il Parlamento europeo vi cerca

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.