10 euro alle maestre per abbracciare i loro figli

Schermata 2013-01-23 a 16.10.42

10 euro (il corrispondente di 80 yuan) per gli abbracci. È questo il prezzo della tariffa aggiuntiva che sono state costrette a pagare le famiglie dell’asilo nella città di Yangzhou, in Cina. I piccoli, in pratica, per ricevere un abbraccio dalle proprie maestre, dovevano prima chiedere ai loro genitori di sborsare i soldi.

La notizia – riportata dallo “Shangai Daily” – arriva dall’Est della Cina e subito sta destando molto scalpore. Le autorità della scuola hanno giustificato la scelta spiegando che era loro intenzione dimostrare gli effetti degli abbracci sull’autostima e sull’apprendimento dei piccoli.

I genitori, comunque, hanno fatto  sentire in modo vibrante le proteste, fino a costringere le autorità scolastiche nazionali a revocare il provvedimento, imponendo l’interruzione immediata nella scuola del “servizio abbracci” e obbligando a restituire i soldi spesi alle famiglie. Da oggi, anche nell’asilo di Yangzhou, le coccole ai bambini saranno gratuite.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A 31 anni lascia l'università e torna a scuola

Next Article

Senza laurea ma con un padre ex presidente, insegnerà diritto all'università

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".