Scuola, Università e Ricerca: la rassegna stampa di martedì 26 gennaio

Rolls of newspapers.

Scuola, Università e Ricerca. Ecco gli articoli selezionati questa mattina dalla redazione del Corriere dell’Università.
FARAONE: E’ COLPA DELLA REGIONE SE I FONDI PER LE SCUOLE NON ARRIVANO – Il sottosegretario al MIUR dice la sua sul Giornale di Sicilia, e parte il botta e risposta con Palazzo d’Orleans.
GARANZIA GIOVANI FINO AL 2020: Su ItaliaOggi la richiesta del governo italiano all’UE di prorogare il programma “Garanzia Giovani” fino all’anno 2020.
DALLA SINAGOGA AL CNR, LE INIZIATIVE PER NON DIMENTICARE – Su Repubblica Milano l’elenco delle iniziative per commemorare la giornata della Memoria, domani 27 gennaio.
L’UNIVERSITA’ AFRICANA ILLUMINATA GRAZIE AGLI STUDENTI DI MIRANO – Sul Gazzettino la bella storia degli studenti di Mirano, che hanno realizzato un impianto fotovoltaico che verrà usato nell’Ateneo di Lambè, in Guinea.
IL TEATRO COME TERAPIA: IL PRIMO CORSO UNIVERSITARIO AL MONDO PER DISABILI PSICHICI – Sul Fatto Quotidiano la bella storia dell’esperimento di Roma, dove partirà a breve il primo corso universitario al mondo per studenti con disabilità psichiche.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I ricercatori italiani alzano la voce: "Senza di noi università al collasso"

Next Article

Napoli, ecco come partecipare al coro più grande del mondo

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.