Scuola, è boom di lezioni a distanza: «Importante garantire continuità»

La scuola, parte fondamentale del sistema, non vuole e non deve rimanere ferma, nemmeno di fronte ad una situazione di emergenza”. Queste le parole del Sovrintendente Vincenzo Gullotta indirizzate a dirigenti, docenti e personale della scuola in un video a loro dedicato. E in effetti la scuola italiana della nostra provincia, dopo un primo momento di smarrimento, si è organizzata per cercare di restituire agli studenti un minimo di normalità, utilizzando tutti gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia, molti dei quali  facevano già parte della routine quotidiana scolastica. Il primo strumento ad essere utilizzato è stato sicuramente il registro elettronico, adottato ormai in tutte le scuole, seguito dalle piattaforme per la condivisione dei materiali, su cui già abitualmente i docenti caricano documenti per le lezioni e per i compiti. Alcune scuole hanno attivato anche la modalità di videoconferenza, in modo da ricreare delle classi virtuali in cui ragazzi e docenti si possano ritrovare e svolgere vere e proprie lezioni a distanza.

Nei prossimi giorni la Direzione istruzione e formazione pubblicherà anche una circolare con le linee guida sulle attività di e-learning, in modo che questo strumento sia gestito in maniera uniforme in tutte le scuole. “Qualche difficoltà tecnica c’è stata – afferma Gullotta – ma i docenti hanno saputo reagire in maniera davvero esemplare, con intraprendenza e in modo propositivo. Ora stiamo risolvendo i problemi tecnici e a breve sulla pagina web della Didattica e formazione docenti saranno disponibili materiali di vario genere, raccolti o realizzati dagli insegnanti comandati presso la nostra struttura”. L’assessore alla scuola, Giuliano Vettorato, infine, sottolinea anche come la scuola abbia “reagito in modo creativo, realizzando esperienze significative, di cui si farà sicuramente tesoro nel prossimo futuro”.

altoadigeinnovazione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuole chiuse, anche i miei alunni più svogliati ora mi scrivono ‘Maestra, ti voglio bene’

Next Article

Coronavirus: la ricerca. Corsa al vaccino, il mondo unito

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno