Scuola, disagi al rientro: hackerato il registro elettronico

Registro elettronico ripristinato (dai compiti a casa alle comunicazioni alle famiglie) a comunicarlo è la società Axios

Dovrebbe essere ripristinato con tutti i suoi servizi (dai compiti a casa alle comunicazioni alle famiglie) entro la mattina di giovedì 8 aprile. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio nel 40% delle scuole italiane

Disagi informatici nel giorno del rientro a scuola, anche nelle regioni rosse, dopo le vacanze di Pasqua, con le lezioni presenza per circa 5,6 milioni di alunni. Impossibile per molti studenti e genitori accedere al registro elettronico per vedere l’assegnazione dei compiti a casa, oltre alle comunicazioni per le famiglie degli studenti. Il registro è andato fuori uso a causa di un attacco hacker. E dovrebbe essere ripristinato con tutti i suoi servizi entro la mattina di giovedì 8 aprile. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane.

L’attacco hacker alla piattaforma Axios

Il 3 aprile c’era stato il riferimento a un «improvviso malfunzionamento tecnico». Inizialmente Axios aveva parlato di «un improvviso malfunzionamento tecnico occorso durante la notte» per il quale «si è reso necessario un intervento di manutenzione straordinaria». Ma con il passare dei giorni è arrivata la «conferma che il disservizio creatosi è inequivocabilmente conseguenza di un attacco ransomware portato alla nostra infrastruttura». L’azienda ha quindi assicurato che «dagli accertamenti effettuati, non risultano perdite e/o esfiltrazioni di dati». A seguito dell’attacco subito, sono state fornite anche le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo, in attesa che tutte le funzionalità vengano ripristinate.

Il registro elettronico online – che non è obbligatorio ma ormai estremamente diffuso, già alcuni anni fa lo usava oltre il 70% delle scuole – contiene presenze e assenze degli allievi, le loro valutazioni oltre che l’assegnazione dei compiti, la messa a disposizione di diverse risorse didattiche, anche multimediali, e le comunicazioni per studenti e famiglie.

sole24ore

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dottorato congiunto fra le Università di Perugia e Amsterdam

Next Article

Maturità 2021, entro il 30 aprile si assegna argomento elaborato

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident