Scoperta la molecola per abbronzarsi senza bruciarsi

abbronzarsi senza bruciarsi

Abbronzarsi senza bruciarsi Scoperta la molecola per abbronzarsi senza il rischio di scottature: si trova nella pelle in grandi quantita’ e potrebbe diventare il bersaglio delle future creme solari. A identificarla e’ stato un gruppo di ricercatori coordinato dall’Universita’ di Duke i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas).

Le classiche scottature da ‘spiaggia’ sono provocate da un eccesso di esposizione ai raggi solari, in particolare ultravioletti di tipo B. Si tratta di radiazione emesse dal Sole che entro certi limiti portano beneficio in quanto aiutano le cellule della pelle a produrre vitamina D ma in dosi eccessive possono provocare danni al Dna.

In questo contesto le dolorose scottature rappresentano un allarme per ‘invitare’ a non restare ancora sotto al Sole. Analizzando tessuti della pelle, i ricercatori statunitensi hanno ora scoperto il responsabile degli effetti dolorosi delle scottature, la molecola Trpv4. ‘Spegnendo’ attraverso un farmaco questa molecola nei topi, i ricercatori sono riusciti a limitare i danni provocati dai raggi nocivi. La scoperta potrebbe portare a creare nuovi farmaci per combattere i tumori della pelle provocati da sole oppure migliorare le attuali creme protettive.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Francia: verso divieto a velo islamico nelle università

Next Article

Marocco, Tunisia, Armenia, Adriatico, World Bank: AlmaLaurea nel mondo

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".