Francia: verso divieto a velo islamico nelle università

velo islamico all'università

Velo islamico all’università Il velo islamico potrebbe essere presto vietato nelle universita’ di Francia. E’ quanto raccomanda l’Osservatorio della Laicita’ in un rapporto di cui Le Monde rivela oggi il contenuto. Secondo il giornale, l’istanza di governo che fa capo agli uffici del primo ministro consiglia nel suo rapporto, realizzato per L’Alto consiglio all’integrazione (HCI), di vietare ”nelle sale dei corsi e nei luoghi dedicati all’insegnamento pubblico superiore e alla ricerca, tutti i segni e gli indumenti che manifestano in modo ostentato un’appartenenza religiosa”. In questo modo l’HCI potrebbe vietare alle studentesse di confessione musulmana di portare il velo islamico a lezione. In Francia, una legge del 2004 gia’ vieta di ostentare ”segni religiosi” nelle scuole pubbliche, medie e licei, mentre i segni ”discreti” di appartenenza religiosa sono tollerati. Un eventuale divieto negli atenei, precisa Le Monde, non andrebbe tuttavia a modificare la legge gia’ esistente. ”Il servizio pubblico superiore e’ laico e indipendente da ogni influenza politica, economica, religiosa e ideologica”, si legge nel rapporto pubblicato da Le Monde. Un rapporto che si appoggia sul principio di laicita’ sancito dalla legge Savary del 1984.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ad una ricercatrice italiana il premio per il software dati su Galileo

Next Article

Scoperta la molecola per abbronzarsi senza bruciarsi

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.