Sbullit Action, l’app contro il bullismo e il contest per la Giornata dei Musei

Sbullit Action, app creata per stimolare le capacità creative e combattere il bullismo, lancia il concorso per la Giornata dei musei
Sbullit action logo

Più che una app, un laboratorio culturale e creativo per far emergere il problema del bullismo e del cyber bullismo. Si chiama Sbullit Action è stata creata per stimolare le capacità cognitive e creative, portare fuori il vissuto degli stati d’animo e le caratteristiche della personalità.

In occasione della Giornata Mondiale dei Musei, celebrata il 18 maggio, i ragazzi potranno partecipare ad un contest: “Il valore dei musei per i giovani”. Basta scaricare l’App e scegliere se partire con il quiz introduttivo sulla giornata relativa ai musei (un quiz sull’argomento musei composto da 15 domande) o dal contest dedicato alla giornata del 18 maggio, postando foto, video, disegni o contenuti sulla Giornata dei Musei.

Le regole del contest

Fra quelli che risponderanno esattamente alle 15 domande saranno scelti tre vincitori per il mese di maggio da una giuria composta da un esponente di rilievo del mondo dei musei, un insegnante di un Istituto Italiano, da una famiglia con adolescenti e dal team Sbullit Action.


I tre vincitori, che risponderanno esattamente alle 15 domande del quiz e che inseriranno il loro contributo testuale, disegno, video o fotografico più emozionante sull’oggetto del contest, riceveranno un attestato di premiazione che sarà inviato dalla Fondazione Vento al preside dell’Istituto dove sono iscritti. Una vincita culturale con l’obiettivo di supportare la loro crescita tramite un gioco, in un difficile periodo come questo che stiamo passando tutti, ma anche i ragazzi e le Scuole Italiane che hanno principalmente vissuto in Dad quest’ultimo anno.

Lo scopo

Giocare e accrescere culturalmente: questo è il fine della App Sbullit Action. Ma non solo, l’obiettivo principale della App è e rimane combattere il bullismo e il cyberbullismo. All’interno di Sbullit Action è infatti presente una sezione AIUTO alla quale rispondono psicologi e personale formato sulla tematica: all’arrivo della segnalazione, viene immediatamente presa in carico e viene ricercata una soluzione che può prevedere sia un supporto psicologico diretto che una ricerca di soluzione più allargata tramite il supporto delle Istituzioni, scuola compresa, per evitare che il bullismo si evolva e diventi sempre più pericoloso.

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article
I titoli dei nuovi corsi ruotano attorno ai concetti di green e digitale con le parole chiave "competenze digitali” e “ambiente, sostenibilità, eco”

Gli atenei italiani si aprono al green e al digitale: corsi di laurea in crescita

Next Article

Il potere della voce: anche Facebook investe nell'audio

Related Posts