Gli atenei italiani si aprono al green e al digitale: corsi di laurea in crescita

I titoli dei nuovi corsi ruotano attorno ai concetti di green e digitale con le parole chiave "competenze digitali” e “ambiente, sostenibilità, eco”

Gli atenei italiani aprono le porte alla transizione ecologica e digitale. Questa scelta è confermata dalla lista dei 201 nuovi corsi per l’anno accademico 2021/22 – di cui 113 magistrali, 62 triennali e 26 professionalizzanti – che sono stati approvati dal Consiglio universitario nazionale (Cun) e inviati all’Anvur per il via libera definitivo del ministero dell’Università, come riportato dal Sole 24 Ore.

Nonostante i tanti mesi di lezioni online anche nelle università, la maggior parte dei nuovi corsi di laurea e specializzazione saranno erogati con le lezioni in presenza e solo alcuni utilizzeranno la modalità mista. I corsi prevalentemente o integralmente a distanza restano un’offerta quasi esclusiva delle università telematiche.

L’aumento maggiore di proposte formative si registra nell’ambito delle scienze mediche, quelle storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche. Sul podio per le classi di laurea che hanno ampliato la loro offerta troviamo Medicina e chirurgia (LM-41) con 7 attivazioni, Tecniche e metodi per la società dell’informazione (LM-91) e Scienze economico aziendali (LM-77) con 5 attivazioni ognuna.

Questi nuovi corsi si inseriscono in un contesto di circa 4.960 le lauree totali e che, nonostante le nuove attivazioni, vede il peso di green e digital comunque limitato rispetto all’offerta complessiva con 257 presenze per il titolo ambiente (il 5%), 84 per la sostenibilità 84 (1,6%) e 66 per il digitale.

I titoli dei nuovi corsi ruotano attorno ad alcune parole chiave ricorrenti, quali “competenze digitali” e “ambiente, sostenibilità, eco”, concetti quelli, del green e del digitale, presenti anche nelle bozze del Recovery Plan e nell’agenda del governo Draghi. Con 27 new entry dedicate ad «ambiente» o «sostenibilità» e 20 alle «competenze digitali», gli atenei italiani vogliono accordarsi agli auspici espressi dalla ministra Cristina Messa.

Total
7
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Sapienza celebra Sofia Corradi: un dottorato di ricerca per la "mamma" di tutti gli Erasmus

Next Article
Sbullit action logo

Sbullit Action, l’app contro il bullismo e il contest per la Giornata dei Musei

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale